Fatti

La figuraccia del Ministro della Salute olandese che va a votare con il documento scaduto

Con sé non aveva neanche la patente. Prima del voto è stato costretto a tornare a casa per prendere un documento valido

Hugo De Jonge

Fretta e dimenticanze hanno rischiato di non far votare il ministro della Salute uscente olandese. Protagonista di questa divertente vicenda è Hugo De Jonge che si è recato al seggio di Rotterdam portando con sé un documento non valido. Si trattava, infatti, del suo passaporto scaduto e che doveva essere rinnovato. Nel suo portafogli non c’era neanche la patente, nonostante il suo viaggio in macchina. Alla fine, dopo esser stato rispedito a casa, è tornato con un documento valido e ha potuto votare.

Hugo De Jonge, il ministro della Salute che va a votare col passaporto scaduto

Quanto accaduto a Rotterdam è stato raccontato dal quotidiano locale Rijnmond che ha pizzicato Hugo De Jonge al suo arrivo al seggio di Rotterdam.

Il presidente del seggio indicato, ha dovuto rispedire il Ministro della Salute uscente a casa: era arrivato con un passaporto scaduto, non più in validità. Tutto ciò ha messo a rischio il voto di Hugo De Jonge: oggi, infatti, è l’ultimo giorno delle votazioni legislative nei Paesi Bassi.

Poi, mezz’ora dopo, il lieto fine

Un ritorno frettoloso a casa – sfidando la sorte, visto che con sé non aveva neanche la patente di guida -, il recupero di un documento valido e la corsa verso il seggio.

Alla fine, nel giro di mezz’ora, il ministro della salute olandese è riuscito a completare la sua operazione di voto. Ora si dovrà ricordare di rinnovare il suo passaporto per evitare altre gaffe simili.

(foto: da profilo Twitter di Maikel Coomans)