Attualità

“Ho conosciuto un uomo ricoverato per coronavirus che ripeteva che il Covid non esiste”

Gerardo Di Muzio è un volontario della Croce Verde di Torino. Ieri si è vaccinato all’ospedale Oftalmico. E spiega, rivolgendosi ai negazionisti, perché il vaccino è non solo importante ma doveroso

vaccino covid negazionisti

Gerardo Di Muzio è un volontario della Croce Verde di Torino. Ieri si è vaccinato all’ospedale Oftalmico. E spiega, rivolgendosi ai negazionisti, perché il vaccino è non solo importante ma doveroso: le sue parole riportate dalla Stampa:

«Avevo un po’ di paura. Ma sono un soccorritore del 118» dice Di Cesare. In questi mesi di pandemia ha incontrato tanti malati positivi al Covid19. «Ho visto troppe persone morire. Anche tra i miei parenti. E ne ho viste anche tante scettiche. Tante negare la pandemia, sostenere che si tratta di un complotto. Dei miei colleghi sono stati inseguiti dai negazionisti che volevano dimostrare che le ambulanze viaggiano vuote. Qualcuno ci considera attori, pagati da non si sa chi e non si sa perché. Ho conosciuto un uomo, ricoverato in ospedale proprio per coronavirus, che continuava a ripetere che il Covid non esiste. Credo che negare la pandemia sia un modo per combattere la paura. In fondo, nessuno era preparato ad affrontare una situazione del genere. Per questo voglio lanciare un appello a tutti: vaccinatevi e fidatevi della scienza. Solo così si può debellare il virus»