Fatti

Green pass con una e con due dosi: cosa cambia e dove si può andare

Ristoranti al chiuso e mezzi pubblici: quando e come sarà obbligatorio il green pass

green pass, bar e ristoranti stadi e palestre

Il green pass obbligatorio dovrebbe diventare realtà dal 26 luglio, la data in cui dovebbe entrare in vigore il decreto che lo norma. Ma in quali luoghi e con che requisiti sarà necessario?

Green pass con una e con due dosi: cosa cambia e dove si può andare

Secondo quanto scrive il Corriere il green pass verrà differenziato. Il certificato con una dose, o con tampone negativo o certificato di guarigione permetterà di accedere ai ristoranti al chiuso. La doppia dose invece sarà necessaria per poter partecipare ad eventi in luoghi affollati come stadi, concerti, convegni, luoghi dello spettacolo, palestre e per ballare nelle discoteche all’aperto. Secondo Repubblica invece si procederà anche per gradi e a settembre potrebbero entrare in vigore nuove regole che obbligano ad avere il green pass per potere usare i mezzi pubblici:

Il Green Pass dovrebbe entrare in vigore a inizio agosto. Ma c’è un problema: dare il tempo ai non vaccinati di non restare esclusi da alcuni servizi essenziali, come i trasporti. È possibile dunque che si vari un primo uso del Green Pass per agosto, con regole dure per eventi e ristoranti al chiuso, e un secondo Green Pass per settembre, più restrittivo, che vieti o limiti ogni tipo di trasporto a chi non è vaccinato (magari con carrozze dei treni ad hoc per chi ha invece ricevuto la doppia dose). Dando il tempo a chi non si è adeguato di farlo entro agosto

“Usare il Green pass per salire sui mezzi pubblici non è facile, credo che occorra una gradualità in questo tipo di provvedimenti. Siamo in una fase dove non c’è contezza del numero di persone non vaccinate, si può pensare a questo tipo di misure solo pianificandole senza escludere a priori nessuno” ha sottolineato all’Adnkronos Salute il virologo Fabrizio Pregliasco, docente dell’università Statale di Milano, commentando la proposta del consulente del ministro della Salute, Walter Ricciardi, di usare il Green pass anche sui mezzi pubblici. Intanto il dibattito verte anche sull’obbligo di vaccinazione per i docenti: “Ci troveremo questa settimana con il consiglio dei ministri e ci sarà una decisione collegiale. Certamente io porterò i risultati del Cts, che ovviamente presenterò a tutti”, ha affermato il ministro dell’Istruzione, Patrizio Bianchi, a margine della presentazione di Lef, in Friuli Venezia Giulia.
“Attualmente siamo all’84%, come ha detto il gen. Figliuolo, per la prima dose e al 75% per la seconda dose. C’è stata quindi una risposta molto responsabile e terremo conto anche di questo – ha aggiunto Bianchi -Noi stiamo lavorando giorno e notte per riaprire in presenza nelle condizioni di sicurezza, poi sarà il governo anella sua collegialità a decidere”.