Fatti

Due morti e 9 feriti: il bilancio del crollo del ghiacciaio sul Grand Combin (tra Svizzera e Italia)

Una vasta lastra di ghiaccio si è staccata dal massiccio alpino, provocando la morte di almeno due alpinisti. I feriti, al momento, sono 9 (due molto gravi)

Grand Combin

Erano in 17. Diciassette alpinisti impegnati, all’alba di questa mattina, nella scalata di una delle pareti del massiccio alpino del Grand Combin, tra l’Italia e la Svizzera. E proprio sul fronte elvetico, in una zona chiamata Plateau du Déjeuner, è avvenuto il crollo di una parte del ghiacciaio. Immediatamente dopo la richiesta, sono arrivati i soccorsi che, però, non hanno potuto fa altro che constatare la morte di due persone e il ferimento di altri 9. Due dei feriti, inoltre, sono ricoverati in ospedali in gravissime condizioni.

Grand Combin, il crollo del ghiacciaio uccide due persone (e ne ferisce 9)

Ancora non è chiaro il motivo del crollo di quella porzione di ghiacciaio sul Grand Combin. Per il momento si conosce solamente l’orario in cui si è consumata la tragedia: all’alba di questa mattina, poco dopo le 6. I serracchi, grandi blocchi di ghiaccio, si sono abbattuti su quella comitiva di 17 alpinisti che stavano affrontando il versante elvetico del massiccio alpino a una quota di circa 3.400 metri. Forse l’incidente è stato causato dalle alte temperature che sono state rilevate in Svizzera – in particolar modo sulle Alpi – negli ultimi giorni. Un caldo che potrebbe aver provocato lo scioglimento di grandi porzioni di ghiaccio creando una superficie non stabile.

E il crollo è avvenuto a circa 900 metri dalla vetta del Grand Combin, rendendo ancor più complicate le operazioni di soccorso. La polizia del Cantone Vallese – che ha competenza sulla zona – ha diramato questo comunicato:

“Due persone sono morte sul luogo dell’incidente. Sono un cittadino francese di 40 anni e uno spagnolo di 65. Nove alpinisti sono stati trasportati in aereo all’ospedale di Sion e al Chuv, il Centro ospedaliero universitario della regione del Vaud. Due di loro sono gravemente feriti. Altri alpinisti sono stati evacuati in elicottero dal luogo dell’evento. La Procura della Repubblica di Sion ha aperto un’indagine”.

Non risultano, al momento, italiani coinvolti nell’incidente.