Attualità

Chi ha girato il video del terrorista che uccide il poliziotto?

VIDEO TERRORISTA POLIZIOTTO

Chi ha girato il video del terrorista che uccide il poliziotto? Una marea di ispettori Manetta si sono autosguinzagliati sul web per dimostrare chissà cosa a proposito del filmato orribile che mostra uno dei fratelli Kouachi che spara alla testa del poliziotto musulmano Ahmend Merrabet : «questo è il mio abbonamento a internet, e quindi ho le prove del complotto», dicono tutti soddisfatti. Nell’occasione, ad averlo girato sarebbe stato Amchai Stein, vicedirettore della tv israeliana.
chi ha girato video poliziotto ucciso ahmed merrabet
 
CHI HA GIRATO IL VIDEO DEL TERRORISTA CHE UCCIDE IL POLIZIOTTO?
Solo che c’è un problemone in questo ennesimo complotto che la Rete ha sventato con la sola imposizione della chiacchera. A girare quel video è stato invece Jordi Mir, ingegnere di origine spagnola, e subito dopo lo ha diffuso sulla sua pagina Facebook. «È stato un istinto stupido — dice all’agenzia Associated Press —, ogni fotografia che prendo, anche di un gatto, la pubblico su Internet. Ero da solo a casa, ero nel panico». Dopo un quarto d’ora Jordi si rende conto dell’impatto di quel filmato, di quanto sia scioccante. «L’ho tolto, ma era troppo tardi, era ovunque, sui siti di tutto il mondo». Il fratello di Merabet — musulmano, poliziotto di quartiere, 42 anni — ha attaccato i giornalisti: «Come avete osato trasmetterlo? Ho sentito la sua voce, l’ho riconosciuto. L’ho visto mentre lo massacravano e lo rivedo ogni giorno nella mia testa». Jordi chiede scusa alla famiglia: «Devono sapere che ho rifiutato le offerte di chi voleva pagarmi per il video».

IL POLIZIOTTO E L’INGEGNERE
L’AP racconta che il video ha scatenato un’ondata di repulsione. «Per me quella del poliziotto ucciso è come una foto di guerra», ha detto ancora Mir confrontando il suo contributo audio agli scatti di Robert Capa durante la guerra civile spagnola. E ha scatenato l’hashtag Je Suis Ahmed su Twitter, portando alla solidarietà anche nei confronti dei musulmani colpiti nell’attentato. Mir non si è reso conto di quello che accadeva mentre lo stava girando: aveva pensato a una rapina in corso, magari in qualche banca, e quando ha visto gli uomini armati con il fucile andare verso il poliziotto ha pensato che fossero poliziotti che andavano ad aiutare un collega ferito. Mir fa sapere che quando ha capito cosa stava succedendo ha scaricato il video sul suo PC e ne ha dato una copia ai poliziotti che erano arrivati nel frattempo, e poi lo ha caricato su Facebook. «E’ stato un riflesso stupido», fa sapere ora. Mai quanto i complottisti.