Attualità

Giovanni Princi, Anastasiya Kylemnyk e i soldi della droga per comprare casa

I soldi per finanziare la compravendita del 23 ottobre Princi li avrebbe “guadagnati” spacciando, reinvestendo e accumulando. Nel mirino l’acquisto di una casa a Perugia

anastasia kylemnyk 2

Non ci sono finanziatori occulti da trovare nell’indagine sull’omicidio di Luca Sacchi e sui 70mila euro che conteneva lo zainetto di Anastasiya Kylemnyk. Il finanziatore dell’affare, secondo gli inquirenti, era Giovanni Princi e con quei soldi, che sarebbero raddoppiati dopo lo spaccio di marijuana, voleva comprare una casa.

Giovanni Princi, Anastasiya Kylemnyk e i soldi della droga per comprare casa

Scrive oggi Il Messaggero in un articolo a firma di Giuseppe Scarpa che i soldi per finanziare la compravendita del 23 ottobre li avrebbe “guadagnati” (è un’ipotesi investigativa) spacciando, reinvestendo e accumulando.

Con quegli introiti che solo gli stupefacenti sono in grado di garantire. Soldi facili e con grandi rischi. Magari mandando avanti qualcuno con la faccia pulita. Perciò in parte calcolati. Ma non fino alla fine, vista la morte tragica dell’amico Sacchi. Quest’ultimo sarebbe stato coinvolto assieme alla fidanzata ucraina, la baby sitter Anastasia Kylemnyk. Di fatto, nei mesi precedenti allo scorso ottobre, erano emerse attività sospette di Princi. Un tentativo di acquistare droga era stato monitorato dalla polizia, nell’ambito di un’indagine coordinata dalla direzione distrettuale antimafia.

giovanni princi anastasiya kylemnyk

Era lui, d’altronde, a essere in contatto con i mediatori Simone Piromalli e Valerio Rispoli, mandati da Valerio Del Grosso, il pusher che poi ha sparato al personal trainer 24enne. Repubblica Roma a questo proposito racconta che le indagini, coordinate dal pubblico ministero Nadia Plastina, avevano anche dimostrato come Princi e la sua fidanzata, Clementina Burcea, si fossero mossi per l’acquisto di un immobile a Perugia. Gli investigatori dell’Arma hanno anche parlato con l’agente immobiliare che ha confermato l’intenzione della coppia di farne un b&b.

Leggi anche: Roberto Rosso, Fratelli d’Italia e la ‘ndrangheta alle urne in Piemonte