Fatti

Morto Giampiero Galeazzi, commentatore Rai dello storico oro olimpico nel canottaggio a Seoul '88

neXt quotidiano|

giampiero galeazzi morto roma canottaggio

Voce dello storico oro nel canottaggio dei fratelli Abbagnale alle Olimpiadi di Seoul del 1988, ex canottiere a sua volta, giornalista sportivo della Rai. “Bisteccone”, come lo chiamavano per la sua stazza. Semplicemente Giampiero Galeazzi, storico cronista sportivo, morto questa mattina a 75 anni a Roma. Era malato da tempo

Laureato in Economia e passato per qualche mese nell’ufficio marketing e pubblicità della FIAT a Torino, Galeazzi fu professionista nel canottaggio: vinse il campionato italiano nel singolo nel 1967 (che gli valse la medaglia di bronzo al valore atletico) e nel doppio con Giuliano Spingardi nel 1968 e in quell’anno partecipò alle selezioni per le Olimpiadi del 1968 a Città del Messico.Non ancora abbandonata la carriera sportiva, fu assunto dalla RAI come giornalista sportivo, ed il suo esordio da “commentatore” olimpico lo fece a Monaco di Baviera nel 1972. Con l’arrivo di Emilio Rossi alla direzione del TG1 passò in televisione e oltre ad alcune conduzioni del telegiornale, le prime trasmissioni sportive furono alla Domenica Sportiva condotta da Paolo Frajese nel 1976 e come curatore di Mercoledì Sport. Nel 1996 Pippo Baudo lo volle al 46º Festival di Sanremo 1996. Nello stesso anno fu la voce di Mr. Swackhammer, antagonista principale del film Space Jam.

Tifoso della Lazio, Per la stagione 2009-2010 fu commentatore calcistico nella trasmissione Novantesimo minuto assieme a Franco Lauro e in Replay con Zibi Boniek.

In estate partecipò a Notti Mondiali con Paola Ferrari, Maurizio Costanzo, in diretta da Piazza di Siena a Roma. Diventò poi opinionista di Novantesimo minuto con Franco Lauro, Jacopo Volpi e Zibi Boniek, e di Novantesimo minuto Champions con Andrea Fusco, Marino Bartoletti, Adriano Bacconi e Ivan Zazzaroni. Nell’estate del 2012 fu ospite di Notti Europee con Andrea Fusco, Simona Rolandi, Jacopo Volpi, Adriano Bacconi e Serse Cosmi.

Aveva due figli giornalisti: Susanna, conduttrice del TG5, e Gianluca, giornalista nella redazione del TG LA7