Attualità

Tre persone migranti si sono lanciate in mare dalla Geo Barents per raggiungere la terraferma

neXt quotidiano|

geo barents

Tre persone migranti ospitate a bordo della Geo Barents, la nave di Medici Senza Frontiere ormeggiata a Catania, si sono tuffati in mare nel tentativo di raggiungere la terraferma.

Le tre persone dopo essersi buttate in acqua hanno nuotato fino a un galleggiante, poi sono stati raggiunti dalle autorità e portati sul molo vicino alla zona dove è ormeggiata la nave di Medici senza frontiere. Secondo quanto riporta TGCOM24 le tre persone sarebbero poi salite di nuovo a bordo. Dalla Geo Barents domenica sono scese 357 persone, cioè bambini, donne incinte e nuclei familiari con minorenni.

Intanto le 215 persone ancora a bordo, alle quali viene vietato attualmente lo sbarco, hanno realizzato dei cartelli da esporre, su alcuni avrebbero scritto “aiutateci” e hanno iniziato a dire in coro “help us”, cioè “aiutateci”.

Allo stesso modo, solo alcune delle persone a bordo della Humanity 1, la nave della ONG SOS Humanity hanno avuto la possibilità di sbarcare, ma 35 persone sono state costrette a rimanere a bordo della nave. Il decreto firmato venerdì sera infatti ha permesso di far scendere solo le donne, bambini e persone che necessitano di cure per le proprie condizioni di salute instabili. Il decreto prevedeva anche che la nave avrebbe dovuto lasciare il porto di Catania con a bordo le 35 persone alle quali è stato vietato lo sbarco, ma il comandante ha deciso di non lasciare il porto e di presentare ricorso al TAR del Lazio.

Proprio questa “selezione” tra persone che avrebbero diritto di scendere dalle navi delle ONG che li hanno soccorsi nel Mar Mediterraneo e chi invece non avrebbe diritto costituisce il nodo del braccio di ferro che va avanti da giorni tra i vari Paesi dell’Unione europea. La Commissione Europea, attraverso una portavoce, ha detto che c’è il «dovere morale e legale di salvare le persone in mare, in base alle leggi internazionali» e ha dimostrato di apprezzare la decisione di far sbarcare le persone in difficoltà in Italia.

(Crediti immagine: @danianodanny1 su Twitter)