Attualità

L'arresto di Genny 'A Carogna

La Digos di Roma ha arrestato Gennaro De Tommaso, detto Genny a’ carogna, per i fatti avvenuti all’interno e all’esterno dello stadio Olimpico di Roma in occasione della finale di Coppa Italia del 3 maggio scorso. La richiesta di arresto è della Procura di Roma. De Tommaso è figlio di Ciro, affiliato al clan camorristico del Rione Sanità dei Misso. Pregiudicato per reati contro la persona e con un arresto per droga alle spalle, Genny è considerato uno dei capi della curva A del San Paolo. Aveva militato nel gruppo ultrà dei Mastiffs negli anni precedenti.
 
GENNY ‘A CAROGNA ARRESTATO
Oltre a De Tommaso, che risponde anche della violazione dell’articolo 2 bis della legge 41/2007 sul divieto di striscioni e cartelli incitanti alla violenza o recanti ingiurie o minacce, le Digos delle Questure di Roma e Napoli hanno eseguito altre quattro misure cautelari, sempre nei confronti di ultrà partenopei. Anche nei loro confronti i pm Eugenio Albamonte e Antonino Di Maio hanno contestato il concorso nella resistenza a pubblico ufficiale ed altre fattispecie previste dalla normativa speciale sulle competizioni sportive, in particolare l’articolo 6 bis legge 401/1989, che punisce il ”lancio di materiale pericoloso e invasione di campo in occasione di manifestazioni sportive”. Nell’ordinanza cautelare si fa riferimento, tra l’altro, ad alcuni episodi di resistenza (dentro e all’esterno dello stadio) nei confronti degli agenti di polizia da parte di un gruppo di circa 100 ultrà capeggiato da De Tommaso. Gennaro aveva sulla maglietta all’Olimpico la scritta “Spaziale libero”, che fa riferimento all’ultrà catanese condannato per l’omicidio dell’ispettore di Polizia Fausto Raciti. Una foto di Genny ‘A Carogna che abbraccia la coppa Italia.

genny a carogna
Genny ‘A Carogna che abbraccia la Coppa Italia dopo la vittoria del Napoli nel 2012

L’ARRESTO DI GENNY ‘A CAROGNA
La decisione è curiosa, visto che per l’arresto preventivo secondo la legge italiana deve sussistere il rischio di fuga, inquinamento delle prove o reiterazione del reato. Probabilmente il Gip ha deciso che il Daspo non bastava a tenere Genny ‘A Carogna lontano dagli stadi. All’epoca i fatti diedero il via a un po’ di ironia su Internet:

Il video di Genny ‘A carogna in azione all’Olimpico