Fatti

Gennaro Sangiuliano vuole querelare chi ha "oltraggiato" il post del Tg2 sulle Foibe

neXt quotidiano|

gennaro sangiuliano

Il post dell’account Twitter del Tg2 che annunciava uno speciale sulle Foibe nel Giorno del Ricordo ha ricevuto diversi commenti. Tra le repliche degli utenti, anche un video di una persona che urina in una cavità carsica e che sembra essere una foiba. “Si tratta di un gesto volgare che offende non solo il nostro lavoro ma soprattutto la memoria di questa immane tragedia nazionale”, ha dichiarato il direttore del Tg2 Gennaro Sangiuliano, che ha annunciato una querela al riguardo.

Gennaro Sangiuliano vuole querelare chi ha “oltraggiato” il post del Tg2 sulle Foibe

In giornata era stato attaccato anche il rettore dell’Università per Stranieri di Siena Tomaso Montanari, che aveva organizzato ieri un convegno intitolato “Uso politico della memoria e revanscismo fascista: la genesi dei Giorno del Ricordo” in cui argomentava sulla strumentalizzazione che la destra fa del massacro delle Foibe. “La memoria delle Foibe – ha aggiunto – dopo un lungo oblio, è diventata memoria condivisa. Questo è un valore dell’identità comune. Noi non ci lasceremo intimidire e continueremo a raccontare con scrupolo e dedizione alla verità il dramma delle Foibe e degli esuli”. Sangiuliano è notoriamente considerato vicino a Matteo Salvini, al punto che nel febbraio 2020 si parlò di una possibile sua candidatura con la Lega a governatore della Regione Campania.

Sdegno espresso anche dal Cdr del tg: “Il Comitato di Redazione condanna l’ignobile video inserito nei commenti al tweet sullo speciale del Tg2 dedicato al Giorno del Ricordo in memoria dei martiri delle foibe. Un gesto vergognoso e gravemente offensivo nei confronti innanzitutto delle vittime ma anche del lavoro del Tg2”. E l’esecutivo Usigrai “si unisce alla condanna del Cdr del Tg2 per l’ignobile video inserito fra i commenti social sullo speciale del Tg2 dedicato al giorno del ricordo in memoria dei martiri delle foibe. Alla redazione del Tg2 la solidarietà dell’esecutivo Usigrai per un attacco osceno che offende il lavoro dei colleghi e la memoria nazionale”, si legge in una nota.