Fatti

Pubblica foto hot su Onlyfans e Gardaland non le rinnova il contratto: la vicenda di Ilaria Rimoldi

Asia Buconi|

ilaria rimoldi

Si sta discutendo molto della vicenda della 25enne Ilaria Rimoldi, a cui il contratto presso Gardaland non è stato rinnovato dopo la sua iscrizione a Onlyfans, il noto social che permette di scaricare contenuti sexy a chi paga un abbonamento. Qui Ilaria ha cominciato a pubblicare proprie immagini in lingerie (mai di nudo) per arrotondare il magro stipendio garantito dal parco divertimenti, pari circa a mille euro al mese.

“Tra affitto, auto, spesa e bollette, facevo fatica ad arrivare a fine mese”, ha spiegato Ilaria al Corriere Veneto. Cifre molto diverse da quelle ottenute grazie a Onlyfans: “Il primo mese ho guadagnato 600 euro, ma poi il numero di persone che mi seguono è aumentato e a novembre sono arrivata a guadagnare 5mila euro”, ha spiegato la 25enne.

La vicenda di Ilaria Rimoldi: da Onlyfans al mancato rinnovo di Gardaland

E se prima per Gardaland l’iscrizione a Onlyfans di Ilaria Rimoldi non sembrava un problema, tanto che lo scorso luglio la giovane definiva i suoi datori di lavoro “molto aperti”, lo è diventato quando i visitatori del parco divertimenti hanno cominciato a riconoscerla. “La voce si è sparsa – racconta Ilaria – è capitato che alcuni visitatori mi riconoscessero. E quest’estate sono stata convocata dalla direttrice del parco divertimenti e dal capo del personale”.

In quell’occasione, alla ragazza è stato fatto presente che Gardaland fosse “una struttura per famiglie” e che le sue foto su Onlyfans non si addicessero “all’immagine che il parco vuole dare all’esterno”. A quel punto, Ilaria ha rivendicato la libertà di fare ciò che volesse nella sua sfera privata, sottolineando ai datori di lavoro che “se volevano, potevano alzarmi lo stipendio permettendomi di guadagnare la stessa cifra che mi garantisce quella mia seconda attività. Ovviamente hanno rifiutato”.

La nota di Gardaland dopo il mancato rinnovo ad Ilaria Rimoldi

Da quel momento il clima nel parco divertimenti si è fatto insostenibile per Ilaria, come lei stessa ha raccontato: “Hanno iniziato a usare ogni pretesto che serviva per mettermi in difficoltà, ad esempio mi sono ritrovata con l’orario di lavoro che, all’improvviso, è stato quasi dimezzato”. Poi, alla fine dello scorso novembre, il contratto le è scaduto e non le è stato più rinnovato. Gardaland, da parte sua, ha precisato il suo punto di vista con un’apposita nota:

Gardaland riconosce e promuove l’importanza delle risorse umane all’interno dell’ambiente lavorativo e incentiva la creazione di rapporti di rispetto e collaborazione con e tra i propri dipendenti. Nell’ambito delle politiche aziendali si invitano i collaboratori, per le proprie attività digital, a evitare l’utilizzo improprio dei loghi o delle immagini di Gardaland non in linea con la vocazione familiare del Parco divertimenti.