Cultura e scienze

«NO O.G.M. La terra è nostra!»

«NO O.G.M. La terra è nostra!». È il titolo del «nuovo brano del cantautore attivista Luca Bassanese interpretato assieme a Jacopo Fo e il Coro delle Mondine di Bentivoglio, prodotto artisticamente da Stefano Florio» ma è soprattutto un grido contro i temibili OGM.

No O.G.M.! La terra è nostra!
No O.G.M.! La terra è nostra!

Il comunicato lo spiega meglio di quanto potrei fare io: «Una canzone come manifesto per la tutela dell’ambiente che tocca in modo intelligente un tema di grande attualità e dibattito con un linguaggio originale e pro-positivo, dove la protesta diviene proposta per sottolineare l’urgenza e l’importanza di un ritorno alla terra in modo sostenibile. “NO O.G.M. La terra è nostra!”, è una moderna filastrocca su di una musica incalzante dove il giro di Banjo si eleva su di un tappeto d’archi per una ballata aulica e al contempo popolare, tra commedia dell’arte e teatro-canzone. Ed è così che il testo del brano “gioca” in modo intelligente sul tema degli O.G.M. con un linguaggio ironico e poetico». Pro-positivo, l’urgenza, il ritorno alla terra, la ballata aulica, giocare in modo intelligente. Mi hanno convinto.
Il Coro delle Mondine di Bentivoglio è contro gli OGM, tu cosa aspetti?
Il Coro delle Mondine di Bentivoglio è contro gli OGM, tu cosa aspetti?

Luca Bassanese e Jacopo Fo
Luca Bassanese e Jacopo Fo

Il video è anche su la Repubblica: «Salviamo l’ambiente». Si sa che la Prima Minaccia all’ambente è infatti rappresentata dagli OGM. Il senso delle priorità proprio (anche quello del tono, a pensarci bene).
Salviamo l’ambiente!
Salviamo l’ambiente!

Quello che avevo scritto sulla puntata di Report e su Vandana Shiva vale anche in questo caso. Ritorniamo alla terra! No alle scie chimiche (niente da fare, Romina Power è ancora la regina)!