Attualità

Franco Scibilia: il poliziotto che insulta migranti e giornalisti a Ventimiglia

franco scibilia

Ieri è stato pubblicato un video su Fanpage che ritrae alcuni poliziotti in azione a Ventimiglia dove molti migranti cercano di passare il confine con la Francia. «Deficienti, andate di là». «Bastardi, andate a fare in culo». «Via da lì. Veloce, quickly. Vaff…, vieni su. Pezzi di m…», dice un funzionario in borghese delle forze dell’ordine, ad alcuni migranti sugli scogli dei Bazi Rossi. Le immagini sono del freelance Stefano Bertolino.

Franco Scibilia: il poliziotto che insulta migranti e giornalisti a Ventimiglia

Quando il poliziotto si rende conto di essere inquadrato se la prende con le telecamere: «Vieni qua! Qui comando io e non te. Qui siamo a casa mia», urla un altro agente. Un migrante cammina e si avvicina al muretto della strada, quella da dove arrivano le urla. L’agente in borghese si accorge delle telecamera e si rivolge al freelance. Mette una mano a coprire la telecamera. «Per favore, te ne puoi andare», dice. Poi arrivano i rinforzi: un carabiniere allontana il video-maker. «Questa è un’operazione di polizia». Lo spinge via, usando anche lo scudo anti-sommossa. Un’altra voce: «Un pubblico ufficiale gli ha detto di andarsene. Se ne vada».

Il poliziotto ritratto, spiega Riviera24, è il funzionario della questura genovese Franco Scibilia, recentemente condannato in primo grado a tre anni e due mesi per falso e calunnia nell’ambito di un’indagine per droga. Su di lui il Secolo XIX racconta che nei confronti suoi e di altri quattro colleghi erano state sollevate le accuse di «concussione» e «omissione di atti d’ufficio»:

Il gruppo risponde delle prove falsificate e manomesse per arrestare con più facilità, almeno all’inizio, pusher più o meno conclamati, in base a un classico (e fuorilegge) fine che giustifica i mezzi. E però, ne sono convinti gli investigatori, dopo mesi di successi e pulizia e manette in serie, nella loro testa era scattato qualcosa. E quella di aggiustare i verbali, di perquisire senza autorizzazione e di crearsi «provviste» clandestine d’indizi da usare al momento buono sui sospettati, rischiava di diventare una routine, un «sistema», il doping d’indagini che nella testa di chi le conduceva dovevano andare bene sempre e comunque, possibilmente senza intoppi e in tempi stretti.

I fatti contestati si sono svolti tra gennaio e aprile 2011. Ieri intanto  il sovrintendente capo della Polizia di Stato di Genova, Diego Turra, 52 anni, è morto per un infarto durante i tafferugli tra polizia e No border che ieri sera avevano occupato una ex caserma dei Vigili del fuoco a Ventimiglia, dove oggi si terrà una manifestazione di protesta dei circa 600 migranti rimasti nel centro temporaneo di accoglienza allestito dalla Croce Rossa. Cordoglio è stato espresso dal presidente del Consiglio Matteo Renzi per la morte dell’agente di polizia alla famiglia e ai colleghi.