Attualità

Il primario che chiude il reparto per fare festa

ospedale del mare napoli francesco pignatelli

Francesco Pignatelli è stato appena nominato primario di Chirurgia vascolare dell’Ospedale del Mare, alla periferia est di Napoli e il suo nome è già finito sui giornali. Ma non per un’operazione particolarmente riuscita, bensì a causa di un’accusa molto grave nei suoi confronti: aver organizzato una festa per la sua nomina e aver chiuso il reparto per consentire ai colleghi di partecipare. Della storia ha parlato ieri Repubblica Napoli, che oggi ha chiesto conto allo stesso Pignatelli della vicenda:

Venerdì, la Chirurgia vascolare da lei diretta è off-limits. Perché?
«Gli infermieri hanno chiesto e ottenuto dei giorni di vacanza».

Guarda caso, però: accade tutto in corrispondenza della serata che deve celebrare il suo primariato.
«Ripeto: la mia festa era soprattutto un happening per raccogliere i fondi del progetto Sanapoli, lo screening per l’aneurisma dell’aorta addominale. C’erano artisti e attori a titolo gratuito, siamo riusciti a mettere insieme anche 3800 euro ».

Ma intanto, dal suo reparto, i vostri quattro degenti venivano trasferiti in Chirurgia generale.
«Beh sì, abbiamo ottimizzato le risorse, facendo anche risparmiare qualche straordinario».

francesco pignatelli
Francesco Pignatelli (foto da: Top Doctors)

Non è finita. Poche ore prima, arriva da voi un paziente che deve essere operato d’urgenza: e come aveva ricostruito “Repubblica” viene trasferito stranamente in un ospedale più piccolo. Perché?
«Ah, questo francamente io non lo so. Non ne sono stato informato».

E invece tutti pensano che quel chirurgo lo ha fatto perché sapeva che stavate smobilitando. Quel paziente è stato salvato per un pelo.
«Sì, ma io non c’entro. Anzi gliela dico tutta: il mio collega che ha mandato altrove quell’ammalato, non so chi sia, lo ha fatto per danneggiarmi, per farmi questo disastro».

Il primario Francesco Pignatelli, che compare in tight e flute in mano alla festa nel locale Nabilah, è stato sospeso ieri dal manager della Asl Napoli 1, Mario Forlenza. E oggi il direttore generale gli notificherà il provvedimento, e ascolterà la sua versione.

Leggi sull’argomento: Cinque esami in cinque giorni? Non è impossibile