Attualità

Filippo Sensi, «bizzarro omino sferico»

fabio franceschi fatto

Un litigio in piena regola tra Michele Anzaldi del Partito Democratico e Andrea Scanzi del Fatto Quotidiano. Sotto accusa c’è l’intervento del giornalista al Processo del Lunedì, e la sua definizione di Filippo Sensi, ex giornalista di Europa e portavoce del premier, «Bizzarro omino sferico». C’è da dire che la frase era presente in un articolo del Fatto pubblicato qualche giorno prima:

Buona parte di questi attacchi tragicomici è opera di tal Filippo Sensi, ufficio stampa del Pd e portavoce del Governo, pagato dallo Stato e dunque da noi. Questo bizzarro omino sferico passa la vita a celebrare Renzi, e solo per questo meriterebbe tanta solidarietà. Sensi spende ogni energia esercitando il nobile ruolo dell’hooligan nerd su Twitter (come Francesco Nicodemo, ora legato sentimentalmente alla Picierno: non è una battuta) e di recente ha paragonato Varoufakis al Dottor Spock, forse indispettito perché l’ex ministro greco sia un sex symbol e lui un po’ meno. Qualcuno chiederà: sì, ma chi è ‘sto Sensi? Ma come chi è? Il famosissimo ex vicedirettore di Europa, quotidiano con più pagine che lettori (infatti è morto) e lautamente sovvenzionato da noi contribuenti. Sensi era il vice di Menichini, che è come essere la riserva di Hugo Maradona. Più che esperti di comunicazione, qui pare di essere di fronte alla confraternita dei bimbominkia invecchiati. Auguri.

filippo sensi bizzarro omino sferico
Scrive Anzaldi che dovrebbe intervenire l’Ordine dei Giornalisti:

C’è da immaginare che Andrea Scanzi – scrive Anzaldi sul suo blog sull’Huffington Post–vada gratis a parlare di calcio al Processo del lunedì in onda su Rai3 (servizio pubblico, pagato dal pubblico).Altrimenti non si capirebbe l’acrimonia con la quale attacca il portavoce del presidente del Consiglio, ‘pagato dallo Stato e dunque da noi’. E chi dovrebbe pagarlo altrimenti? Ciò che sconcerta nell’affondo contro Sensi è il bollare il portavoce del premier con un insulto gratuito e incivile: ‘Bizzarro omino sferico’. Stupisce che non si suggerisca anche di buttarlo giù dalla rupe. O per ricoprire alcuni incarichi giornalistici o di ufficio stampa bisogna rientrare in alcune taglie, come le modelle? Attaccare qualcuno per il suo aspetto fisico è davvero becero e poco democratico.E stupisce che l’Ordine dei giornalisti non ricordi ai suoi iscritti quanto questo sia un comportamento davvero poco deontologico