Fatti

Matteo Salvini leader su Facebook: così la Lega vuole fregare Grillo

«Forza Capitano»: la resistibile ascesa di Matteo Salvini su Internet da qualche tempo ha imposto un cambio di strategia e un nuovo tassello: il gruppo “ufficiale” su Facebook la cui presentazione si conclude proprio con lo slogan calcistico preferito dal Caro Leader della Lega Nord (dopo la sua visita in Corea, appellarlo così pare il minimo). Una strategia con un obiettivo ben definito: crescere nella rete per fare concorrenza a chi dalla rete trae la maggiore popolarità, ovvero quel Beppe Grillo che ha ereditato tanti voti dalla Lega Ladrona travolta dagli scandali di Belsito e Bossi. E allora ecco il perché della nuova scelta, che punta a rinsaldare il potere personale di Salvini dopo i non entusiasmanti risultati delle elezioni, dove la Lega pensava di sfondare: penetrazione al Sud – grazie alla battaglia No euro e per i prodotti locali – e presidio di internet.
 
MATTEO SALVINI LEADER
E infatti non a caso il bersaglio polemico degli utenti del gruppo è spesso Grillo:
matteo salvini leader
Insieme alle polemiche contro Bruxelles, stavolta condite dall’accento sul Sud:
matteo salvini leader 1
E ai sempre attuali tentativi di chiamare gli amici quando si interviene in tv:
matteo salvini leader 2
Anche se più spassosa di tutti è, come sempre, la vox populi:


 
LE PAROLE DEL CAPITANO
In attesa che Matteo Salvini diventi davvero «l’uomo che cambiò le sorti dell’Italia e ci riportò a quella grande nazione che siamo!» (cit.), Salvini aggiorna anche spesso la sua pagina fan. E anche qui la strategia è la stessa: solleticare la rabbia degli italiani nei confronti degli immigrati, chiedere “soluzioni forti” contro gli islamici e altre amenità:

Con gli islamici che sgozzano gli occidentali, e gli immigrati che sbarcano a migliaia, la Nato pensa a fare “esercitazioni militari” ai confini con la Russia.
DEFICIENTI!
La Russia deve essere un alleato per fermare estremisti e clandestini.
A meno che gli interessi economici di Bruxelles, Berlino e Washington siano altri.
Voi che ne dite?
Lo Stato dice che non ci sono soldi, ma ha “dimenticato” di far pagare 98 MILIARDI di euro di multe alle società che gestiscono le Slot Machine, società che magari hanno aiutato diversi partiti…
Solo la Lega, e pochi altri, hanno combattuto questa SCHIFEZZA.
Invece di rompere le palle ad ARTIGIANI e commercianti, che lo Stato andasse a controllare le COOPERATIVE, spesso false, che sfruttano i lavoratori e fanno concorrenza sleale alle imprese.
Altri 1.000 GIORNI di chiacchiere renziane e di leccate giornalistiche???
Nooooo grazie.
Intanto ogni giorno chiudono 200 aziende: via gli studi di settore, dazi in difesa selle nostre merci e una aliquota fiscale unica, uguale per tutti, del 20%.
E il lavoro riparte. Che ne dite?

Già che dire? Oltre a ricordare gli eoni in cui la Lega è rimasta al governo spartendosi i contributi pubblici senza fare nessuna aliquota fiscale unica (che, tra l’altro, è una proposta vecchia come il cucco), c’è da dire che la nuova strategia di Matteo Salvini sembra, per ora, dare risultati. Per i 36mila iscritti ad oggi al gruppo, ma anche in generale per l’aumento di reach su Facebook. Grillo però è ancora molto lontano, sia per risultati che per possibilità. Prima o poi s’incontreranno: di solito la strada dei demagoghi diventa stretta quando incontrano la concretezza.