Fatti

Fedez operato per un tumore al pancreas: "A due giorni dall'intervento sto bene"

neXt quotidiano|

fedez operato tumore pancreas

Torna a parlare a due giorni dall’operazione Fedez, e spiega più nel dettaglio il suo “problema di salute” che in questi giorni ha tenuto in molti in apprensione. Il rapper ha scritto su Instagram:

Settimana scorsa ho scoperto di avere un raro tumore neuroendocrino del pancreas.
Uno di quelli che se non li prendi per tempo non è un simpatico convivente da avere all’interno del proprio corpo.
Motivo per il quale mi sono dovuto sottoporre ad un intervento chirurgico durato 6 ore per asportarmi una parte del pancreas (tumore compreso).
A due giorni dall’intervento sto bene e non vedo l’ora di tornare a casa dai miei figli. Ci vorrà un po’.
Grazie ai medici, chirurghi e infermieri che mi sono stati accanto in questi giorni intensi. Un grazie immenso anche per tutti i messaggi di supporto e di positività che mi avete fatto arrivare.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da FEDEZ (@fedez)

Fedez operato per un tumore al pancreas: “A due giorni dall’intervento sto bene”

Non è chiaro quali saranno i suoi tempi di recupero. Il rapper ha ancora una enorme cicatrice all’addome, ma afferma di sentirsi bene e di “non vedere l’ora” di tornare a casa. Il primo compleanno di sua figlia Vittoria era stato festeggiato in anticipo perché l’intervento era già programmato: “Papà tornerà presto”, aveva scritto sui social sua moglie Chiara Ferragni. La sua degenza proseguirà adesso all’ospedale San Raffaele di Milano, dove ha subìto l’operazione. Diversi i messaggi di solidarietà nei confronti del cantante, che aveva annunciato la malattia esattamente una settimana fa. Tra i tanti quello di Vittorio Feltri, che gli aveva dedicato un editoriale su Libero: “Caro Fedez, ho letto dei tuoi problemi di salute, ne sono dispiaciuto e spero si risolvano presto. Condivido un decimo delle tue esternazioni ma ciò non mi impedisce di avere simpatia per te, per cui sento di confidarmi su un tema che ci accomuna. Quello della salute perduta”.

Chiara Ferragni: “Speriamo sia solo un brutto ricordo”

Non è mancato il post di supporto da parte di Chiara Ferragni, che ha pubblicato una foto insieme a Fedez scattata lunedì, giorno precedente l’operazione. “Avevamo paura per tutto – ha scritto – la sua operazione, il recupero, il futuro e la nostra vita insieme. Fortunatamente è andato tutto bene e speriamo che si trasformi presto in un brutto ricordo che ci ha ancora una volta insegnato l’importanza di vivere la vita al massimo ogni giorno”.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Chiara Ferragni ✨ (@chiaraferragni)

Cos’è il tumore neuroendocrino del pancreas

Come spiega l’Airc i tumori neuroendocrini sono relativamente rari e rappresentano meno dello 0,5 per cento di tutti i tumori maligni. In Italia si registrano 4-5 nuovi casi ogni 100.000 persone. I tumori neuroendocrini del tratto gastro-entero-pancreatico (GEP) rappresentano oltre il 2 per cento di tutti i tumori del distretto gastrointestinale e il 60-70 per cento dei tumori neuroendocrini. Prendono origine dalle cellule neuroendocrine, che sono presenti in tutto l’organismo e nei diversi organi svolgono funzioni specifiche, come regolare il flusso dell’aria nei polmoni o la velocità di transito del cibo nel tratto gastrointestinale o il rilascio dei succhi digestivi nell’intestino. Possono colpire organi anche molto diversi tra loro come intestino, pancreas, polmoni, tiroide, timo o ghiandole surrenali. Tra le diverse opzioni terapeutiche possibili, la chirurgia è la più utilizzata a scopo potenzialmente curativo: se riesce a rimuovere completamente il tumore, l’intervento permette in molti casi di curare definitivamente i pazienti. Grazie al bisturi è inoltre possibile rimuovere eventuali metastasi