Fatti

Evade dai domiciliari per far festa a Gallipoli, ma pubblica storie su Instagram e viene arrestato

neXt quotidiano|

Gallipoli

Si trovava agli arresti domiciliari in attesa del processo in cui doveva rispondere delle accuse di maltrattamenti in famiglia e altri reati. Ma aveva deciso di evadere da quelle quattro mura. Non per farsi un giro nel Modenese (dove risiede) ma per partecipare alla movida di Gallipoli in compagnia di alcuni suoi amici. E, non contento di tutto ciò, nella sua settimana di latitanza non ha esitato a pubblicare sul suo profilo Instagram (ovviamente attenzionato dalle forze dell’ordine) video e foto di quella sua “vacanza”. Un eccesso di visibilità social che ha consentito la sua individuazione e il suo nuovo arresto.

Gallipoli, evaso dai domiciliari condivide Instagram Storie e viene arrestato

Il 27enne di Modena, dunque, oltre alle accuse di maltrattamenti in famiglia e altri reati dovrà anche rispondere di questa evasione dagli arresti domiciliari. Eppure era stato molto “bravo” nella sua fuga. Aveva lasciato la sua abitazione in Emilia-Romagna in compagnia degli amici e per una settimana aveva fatto perdere le proprie tracce. Nessuno sapeva dove fosse andato, nessuno lo aveva visto in giro nella zona. Poi, durante le fasi d’indagine, è stato chiaro il motivo di questo suo essere invisibile.

Era salito a bordo di un’automobile con alcuni amici in direzione Salento. E, una volta arrivato in Puglia, aveva iniziato a condividere sui suoi canali social – in particolare sulle Instagram Stories – foto e video delle sue serate immerso nella movida di Gallipoli. Una mossa non propriamente geniale. Perché quelle immagini di lui in spiaggia e nei vari ristoranti della zona hanno aiutato – e non poco – i carabinieri a individuarlo e a procedere con un nuovo arresto. Seguendo le tracce, come un Pollicino qualunque, le forze dell’ordine lo hanno raggiunto in Puglia e lo hanno trovato all’interno di un’abitazione (di proprietà di alcuni parenti) in cui stava soggiornando dopo la sua evasione.