Attualità

Ettore Weber: il domatore del circo Marina Monti ucciso dalle tigri

Una delle quattro tigri avrebbe travolto Weber nel «numero» del salto a comando: caduto a terra, Weber è poi stato azzannato dalla tigre saltatrice e poi aggredito anche dagli altri tre

Il domatore di tigri Ettore Weber è stato aggredito da uno dei suoi felini ed è morto. È successo nel tardo pomeriggio di ieri a Triggiano, cittadina del barese in cui ha fatto tappa il circo per cui l’uomo lavorava, il Marina Monti. Troppo gravi le ferite riportate dall’uomo che è morto dopo qualche ora dall’aggressione. Sul posto i carabinieri e il personale del 118.

Ettore Weber: il domatore del circo Marina Monti ucciso dalle tigri

Secondo una prima ricostruzione dei fatti fornita dai carabinieri, l’incidente è avvenuto attorno alle 20. Weber stava addestrando quattro tigri contemporaneamente quando è stato azzannato prima da uno degli animali, al quale si sono aggiunti gli altri tre. Gli animali avrebbero poi continuato a giocare con il corpo martoriato all’interno della gabbia. Soccorso dal 118, l’uomo è morto per le ferite riportate.

Racconta oggi la Gazzetta del Mezzogiorno che l’«addestramento» costituiva nel far eseguire esercizi ed evoluzioni a quattro felini. Ad un certo punto una delle quattro tigri avrebbe travolto Weber nel «numero» del salto a comando: caduto a terra, Weber è poi stato azzannato dalla tigre saltatrice e poi aggredito anche dagli altri tre animali feroci. Secondo un primo esame, dopo essere stato travolto ha riportato una grave lesione alla colonna vertebrale.

Nell’aprile scorso Ettore Weber era finito sotto attacco degli animalisti a Surbo, in provincia di Lecce, dove il circo si era accampato nei pressi di un altro centro commerciale, «La Mongolfiera». La direzione del circo «Marina Monti» accusò nell’occasione il gruppo di manifestanti di aver provocato una rissa, aggredendo il personale del «teatro sotto le tende».

weber domatore insulti

Leggi anche:  La storia della Gip di Agrigento che sostiene la raccolta fondi per la Sea Watch