Fatti

Elezioni Grecia, Syriza al 34% negli exit poll

Tsipras avanti di poco. Negli exit poll dopo la chiusura delle urne in Grecia Syriza è al 34% mentre Nea Democratia raggiunge il 32%. Come terza forza si conferma Alba Dorata all’8%. La forbice di Syriza è 31-35%, Nuova Democrazia 29-33%, Alba Dorata 6-8%, To Potami 3,5-5,5%, Partito comunista 5-7%, Greci indipendenti 2,5 – 3,5%, Unità popolare 2,5-3,5%, Unione dei centristi 2,5-4,5%. Male ‘Unità popolare’ in Grecia, i dissidenti fuoriusciti da Syriza guidati da Lafazanis che sono accreditati dagli exit poll tra il 2,5 e il 3,5%. Rischiano di non entrare neanche in Parlamento vista la soglia di sbarramento al 3%. Secondo i primi exit poll delle tv greche, i socialisti del Pasok prendono tra il 5,5 e il 7%; i comunisti del KKE tra il 5,5 e il 7; i Greci Indipendenti, ex alleati di governo di Tsipras, tra il 3 e il 4%; To Potami il 4 e il 5,5%, e l’Unione centristi tra il 3,2 e il 4,2%. Il 13,9% dei greci che sono andati alle urne votare ha scelto solo oggi il partito per cui votare.
GRECIA EXIT POLL
exit poll grecia
ELEZIONI GRECIA, SYRIZA AL 34% NEGLI EXIT POLL
Secondo gli exit poll delle tv greche, Alba dorata, il partito filonazista, si conferma terza forza con percentuali che vanno dal 6,5 al 8%. Il partito socialista Pasok è la quarta formazione politica con il 5,5-7%. Ecco una media dei primi exit poll trasmessi dalle tv greche. Secondo gli analisti, 9 partiti entreranno in parlamento, mentre Unità popolare, fondata dai dissidenti di Syriza, potrebbe non farcela. * Syriza (sinistra): 30-34%; * Nea Dimokratia (conservatori): 28.5-32.5%; * Alba Dorata (estrema destra): 6.5-8 %; * Pasok (socialisti): 5.5-7%; * To Potami (centrosinistra): 4-5.5%; * Kke (comunisti): 5.5-7%; * Unità popolare (ex Syriza): 2.5-3.5%; * Unione centristi: 3.2-4.2%; * Greci Indipendenti (nazionalisti): 3-4%; * Antarsya (estrema sinistra): 0.8-1.8%; * Altri partiti: 2.1-3.1%. Il partito filonazista Alba dorata, che secondo i primi exit poll si conferma terza forza con percentuali che vanno dal 6,5 all’8%, è stato il partito più votato dai disoccupati in Grecia con una percentuale del 16,6%.
elezioni grecia exit poll
VAROUFAKIS CONTRO SYRIZA
In base a un’analisi preliminare degli exit poll sul voto nelle elezioni greche di oggi, l’affluenza alle urne potrebbe rivelarsi molto bassa, con una percentuale di astensionismo tra le più alte nella storia del Paese. E’ quanto prevede Dimitris Mavros, sondaggista dell’istituto Mrb, che ai microfoni di Star Tv ha affermato: “Ho l’impressione che l’astensione sia più altra di quella dello scorso gennaio e forse la più altra di qualsiasi elezione nazionale”. Secondo alcuni osservatori, a disertare le urne sarebbe stato soprattutto l’elettorato più giovane. Intanto, in questo video pubblicato da RT, Yanis Varoufakis, imbeccato dai giornalisti mentre votava nel suo seggio, dice, tra le altre cose, che Syriza non esiste più da quando si è arresa al memorandum dell’Europa.

Yanis Varoufakis, l’ex ministro delle Finanze del governo Tsipras diventato suo acerrimo nemico il voto di oggi serve ad “annullare il coraggioso ‘no’ che il 62% dei greci” aveva pronunciato nel corso del referendum di luglio. In una dichiarazione al sito Press Project, Varoufakis ha detto che queste elezioni “servono a due fini: primo annullare il coraggioso ‘no’ che il 62% dei greci (sotto la paura diffusa dai media e controlli a prelievi dalle banche chiuse) ha detto alle strade senza uscita, alle umiliazioni, e all’irrazionale terzo memorandum”. “Secondo, a legalizzare la capitolazione che ha seguito la firma del terzo memorandum, una strada senza uscita, umiliante e irrazionale”, ha proseguito. Varoufakis ha votato – probabilmente per Unita’ popolare, ma non lo ha detto esplicitamente – nel pomeriggio a Palaio Faliro, sulla costa ateniese, dove risiede.