Attualità

Eleonora Brigliadori contro il sistema del farmaco e la morte di Carrina Huff

Ieri il figlio di Carrina Huff ha dato l’annuncio della scomparsa della madre. L’attrice britannica era da tempo malata di cancro e purtroppo alla fine non ce l’ha fatta. Anche se la Huff aveva abbandonato da tempo il mondo dello spettacolo il legame con l’Italia non era mai venuto meno quindi la notizia della sua morte ha lasciato sgomenti molti dei suoi fan che l’avevano apprezzata in Vacanze di Natale o in Sapore di Mare. Eleonora Brigliadori però, alla tristezza per la scomparsa di una “persona dolcissima” aggiunge la rabbia per la consapevolezza che Carrina è morta a causa di “cure sbagliate”.
eleonora brigliadori carrina huff cancro - 1

«Non si muore facilmente di cancro al seno»

Secondo Eleonora Brigliadori non si muore facilmente per un tumore al seno, anzi quando succede- ci spiega – è proprio perché le pazienti si affidano alla chemioterapia e alle cure dei medici. Un pensiero che la Brigliadori ha già espresso in altre occasioni, ad esempio quando spiegava i benefici dell’urinoterapia e della Nuova Medicina Germanica di Hamer. Oppure quando aveva definito la donazione di sangue “un crimine” perché privava gli individui della loro forza energetica cosmica. Ecco perché secondo la Brigliadori (che crede anche nelle bizzarre teorie sui vaccini) la Huff non è altro che una “vittima delle cure sbagliate

Un’altra vittima delle cure sbagliate..non si muore facilmente con un tumore al seno a meno di accettare la folle idea di kemio radio e interventi devastanti…ma lo stesso ci sono quelli che diranno di essere guariti…nonostante la kemio…a loro dico…forse eravate già guariti da soli e la kemio é stato un veleno inutile che non é riuscito ad uccidere solo perche avevate già risolto…ma nel profondo la paura..sta erodendo ancora la vostra anima nel farvi credere che quella sofferenza subita sia stato un bene…confondere il male con il bene è lo scopo degli ostacatori della verità. .

Quando però stiamo tutti pensando che non ci sia più speranza ecco che Eleonora ci fa sapere che anche per la povera Carrina Huff c’è ancora qualche possibilità di redenzione. Non in questa vita ovviamente, ma nella prossima, perché Carrina (come tutti) rinascerà e facendolo imparerà dai suoi errori e non si affiderà più ai falsi profeti della finta sanità

La prossima volta che nascerai Karina avrai almeno imparato a riconoscere i falsi profeti della finta sanità di oggi …dalla via che conduce alla verità della vita. …

Ora, in un Paese normale nei commenti a un post del genere ci dovrebbero essere solo sfottò nei confronti di questa pericolosa e ridicola teoria. Ma non è così, perché ci sono sì le voci critiche che accusano la Brigliadori di fare una propaganda pericolosa ma sono in molti a ringraziare Eleonora per la sua preziosa testimonianza contro Big Pharma. È l’industria farmaceutica che ha creato il cancro e l’AIDS, spiegano. Anzi, il cancro è sostanzialmente causato proprio dalla chemioterapia e dagli altri trattamenti medici. Di per sé il cancro non farebbe nulla, dicono gli adepti di questa religione della stupidità. Ma le critiche non sono certo passate inosservate, la Brigliadori in un post successivo si scaglia contro “i cani da guardia del sistema del farmaco” che l’hanno attaccata per difendere il sistema che uccide le persone.
eleonora brigliadori carrina huff cancro - 2
E ancora una volta nei commenti ci sono decine di persone che la ringraziano perché sta “risvegliando” laggente aprendo loro gli occhi sulla realtà della medicina. Ma sì, in fondo è meglio che queste persone si curino con i fiori di bach o con la meditazione trascendentale. Per tutti gli altri meglio continuare a fidarsi di chi, dati scientifici alla mano, dice che di cancro al seno, se non curato, si muore.

Leggi sull’argomento: Eleonora Brigliadori: dall’urina da bere alla candidatura in Campania