Fatti

Eitan torna a casa

Questa mattina Eitan, l’unico sopravvissuto alla tragedia della funivia del Mottarone, è stato dimesso dal reparto Isola di Margherita dell’ospedale Regina Margherita di Torino

eitan biran

Questa mattina Eitan, l’unico sopravvissuto alla tragedia della funivia del Mottarone, è stato dimesso dal reparto Isola di Margherita dell’ospedale Regina Margherita di Torino.

Eitan torna a casa

Il bambino è tornato in ambulanza a casa a Pavia accompagnato dalla zia. “Ora le sue condizioni sono molto migliorate. La sua prognosi è di 60 giorni. Proseguirà il percorso terapeutico dal punto di vista psicologico ed effettuerà future visite di controllo”, fanno sapere nel bollettino medico dall’ospedale torinese. Ieri era stato reso noto che Eitan ha saputo cosa è successo nell’incidente alla funivia. Il bambino al risveglio non ricordava niente. L’avvocato Cristina Pigna, al quotidiano La Stampa, ha raccontato di come – ora – al bambino sia stato raccontato cosa è accaduto domenica 23 maggio.

“Il bambino sta apprendendo lentamente quanto è successo con i familiari e gli psicologi. È venuto a conoscenza delle conseguenze della tragedia con le modalità concordate dai medici, dagli specialisti e dai familiari. È un cammino lungo e delicato”.

Un atto dovuto, soprattutto per rispondere alle domande fatte dal bambino poco dopo il risveglio dal coma farmacologico. Un percorso appena iniziato che potrebbe culminare – una volta dimesso dall’Ospedale e superate le ferite fisiche – con il viaggio in Israele. I genitori di Eitan Biran, infatti, avrebbero voluto tornare insieme al figlio nel loro luogo natio e farlo crescere lì, in compagnia degli altri parenti. Ora, come spiegato dall’avvocato della zia del piccolo, si vuole far fede a quella promessa fatta dalla madre e dal padre.