Fatti

Addio a Rosetta, la "nonna d'Italia" di Casa Surace: si è spenta a 89 anni

Asia Buconi|

nonna rosetta

Si è spenta a 89 anni Rosetta Rinaldi, conosciuta da tutti come nonna Rosetta di “Casa Surace”, spesso protagonista dei video della casa di produzione nata nel 2015 da un gruppo di amici e coinquilini. La notizia è stata data proprio dai famosi videomaker sui loro canali social, anche se non sono state specificate le cause della dipartita. Nel post di addio è stata pubblicata la foto della “nonna del web” sorridente con in mano uno zoccolo e, ad accompagnare, un toccante messaggio a lei dedicato, che in pochi minuti ha ottenuto migliaia di like e di commenti:

Addio nonna. Ti chiamiamo nonna, perché per tutti noi sei stata veramente una nonna, oltre che la nostra migliore amica. E oggi ci fa sorridere tra le lacrime chi ci fa le condoglianze, come fossimo tutti tuoi nipoti. Siamo sicuri che ora sei da qualche parte a preparare un ragù che pippitierà per tutte le ore che vorrai, e ti salutiamo con le ultime parole che hai detto per la nostra grande famiglia: “Stattaccort”. Ci stiamo accorti, tranquilla. Addio nonna Rosetta.

Addio a Nonna Rosetta di Casa Surace, il dolore dei fan: “Un grande dispiacere, grazie per tutti i sorrisi”

La notizia della morte di Nonna Rosetta ha spiazzato i fan di Casa Surace, la cui pagina Facebook è seguita da quasi due milioni di persone. In due ore, il post di addio ha raggiunto 260mila like e oltre 53mila commenti, destinati con molta probabilità a crescere ulteriormente nelle prossime ore. E il tenore delle parole degli utenti del web è più o meno sempre lo stesso: quello di un amaro sorriso nel ricordare la simpatia di Nonna Rosetta, che ora non potrà più deliziare il pubblico con la sua caratteristica spontaneità.

Alcuni commenti dei fan sono particolarmente pregnanti nel descrivere il segno che Nonna Rosetta ha lasciato nel cuore di molti. Uno su tutti, forse, riassume al meglio l’amore che il pubblico nutriva per lei ed è quello dedicatole da Iacopo Melio: “Nonna Rosetta racchiudeva la misteriosa magia di tutte le nonne d’Italia, non solo del sud. Un grande dispiacere. Grazie per tutti i sorrisi che insieme, come una vera famiglia, ci avete strappato”.