Politica

Draghi: “Cittadinanza Zaki? Iniziativa parlamentare, governo non coinvolto”

In conferenza stampa il premier italiano ha preso le distanze dal voto di due giorni fa in Senato. Noury (Amnesty International): “Brutto segnale”

Patrick Zaki

Non sono trascorse neanche 48 ore dal voto con cui il Senato si è impegnato a riconoscere la cittadinanza italiana a Patrick Zaki e subito arrivano le prime marce indietro. Una su tutti, la più importante, quella del Presidente del Consiglio dei ministri Mario Draghi, che ha voluto in qualche modo prendere le distanze dai 208 senatori che si sono espressi favorevolmente e slegando, di fatto, il governo da ogni coinvolgimento.

Egitto: Draghi, “Cittadinanza Zaki? Iniziativa parlamentare, governo non coinvolto”

La questione della concessione della cittadinanza italiana a Patrick Zaki è “un’iniziativa parlamentare in cui il governo al momento non è coinvolto” ha detto il premier, scatenando, come era prevedibile, un’ondata di reazioni dal mondo della politica e non solo.

Sensi, “Draghi? Governo deve fare la sua parte su Zaki”

“A una domanda di @lucasappino sulla cittadinanza italiana a #PatrickZaki, il Presidente del Consiglio ha risposto che è una iniziativa parlamentare. Che, però, chiede al governo di fare la sua parte, aggiungo io. E spero che il governo sarà conseguente alla richiesta del Senato”. Lo scrive su Twitter Filippo Sensi, deputato del Pd.

Ma l’ex portavoce di Renzi, alias nonfump, non è l’unico ad aver preso una posizione critica nei confronti di Draghi. Molto più dure le parole di Nicola Fratoianni, leader di Sinistra Italiana.

Fratoianni, “Su Zaki governo non coinvolto? Da Draghi sciocchezza”

“Mi spiace contraddire il Presidente del Consiglio Draghi, ma su Patrick Zaki in conferenza stampa ha detto una sciocchezza, quando ha affermato che il governo non è coinvolto” ha detto Fratoianni. “Il voto del Senato sulla mozione – prosegue l’esponente dell’opposizione di sinistra – impegna il governo su 5 punti a partire dal conferimento della cittadinanza italiana”. “Non voglio neanche per un momento pensare – conclude Fratoianni – che all’interno della maggioranza che sostiene questo governo, si sia voluto fare solo un po’ di propaganda sul dramma che sta vivendo il giovane universitario incarcerato ingiustamente”.

Noury (Amnesty International): “Brutto segnale”

“Il governo al Senato si è impegnato. Con tutte le riserve del caso, ma si è impegnato. Se l’esecutivo si tira indietro dopo due giorni, è un brutto segnale francamente”, ha affermato Riccardo Noury, portavoce di Amnesty International.