Cultura e scienze

Dove si curano gli italiani

tagli 208 esami diagnostici sanità renzi lorenzin

Ogni anno gli italiani spendono poco meno di 40 miliardi di euro in sanità privata, in aggiunta ai 112 miliardi che tramite la fiscalità generale finanziano il Ssn. Di quei 40 miliardi aggiuntivi la gran parte esce direttamente dalle tasche di individui e famiglie. Poco più del 10% è intermediata da contratti o polizze assicurative. Per l’esattezza, secondo l’indagine del Censis, gli italiani nel 2018 hanno speso 37,3 miliardi di euro di tasca propria per la sanità: +7,2% reale rispetto al 2014 e nello stesso periodo la spesa sanitaria pubblica è diminuita dello 0,3%.

dove si curano gli italiani
Dove si curano gli italiani (Il Messaggero, 28 giugno 2019)

Pubblico e privato, non solo insanità, sono ormai mondi comunicanti, in qualche modo interscambiabili. Secondo l’indagine Censis-Rbm13,3 milioni di italiani si sono fatti visitare sia nel pubblico che nel privato per una stessa patologia: una caccia alla “second opinion” in una logica di soggettiva autoregolazione della salute. “Il surf tra pubblico e privato è un anche modo per controverificare le prescrizioni mediche su diagnosi e terapie, innalzando così qualità, efficacia e sicurezza della sanità di cui si ha bisogno”, commentano al Censis. La sovrapposizione è fisiologica, anche se resta auspicabile una migliore ottimizzazione assicurativa, per evitare sprechi e abbassare i costi.

Leggi anche: «Statali, sbloccato l’anticipo della liquidazione»