Fatti

La reazione di Diego Bianchi alla vicenda di Soumahoro a Propaganda Live

neXt quotidiano|

diego bianchi reazione soumahoro propaganda

In tanti attribuiscono a Propaganda Live l’ascesa di Aboubakar Soumahoro. Ora che la vicenda della cooperativa della suocera lo ha infilato in un vespaio Diego Bianchi commenta e reagisce alle accuse. Il video qui dal minuto 37.

La reazione di Diego Bianchi alla vicenda di Soumahoro a Propaganda Live

Per prima cosa compare un frame del famoso video di Soumahoro in lacrime evocato da Marco D’Ambrosio. E, a esorcizzare il possibile imbarazzo, il sogghigno di Makkox e il chiarimento di Diego Bianchi: “Dovere di cronaca vorrebbe che introducessimo questo argomento facendovi vedere questo video. E invece no. Se non lo avete visto ve lo andate a cercare”.

Poi inizia la parte seria: “A noi questa roba qua ci ha creato dei problemi. Non quelli che pensate voi”;  e qui Zoro ritorna in parte a scherzare parlando del boom di chi aveva Soumahoro al Fantacitorio e si è preso 3mila punti. Prima o poi la nota dolente però va affrontata. Anzi no: il conduttore di Propaganda Live ironizza sulle dichiarazioni di Bonelli che si è giustificato dicendo di aver candidato il sindacalista solo perché lo aveva visto in trasmissione. E che dire di Gasparri che dopo l’intervista Piazzapulita di Soumahoro chiede pubblicamente su Twitter a Diego Bianchi di scusarsi?

Un fuoco di fila tragicomico che alla fine Zoro commenta facendo notare come la destra negli anni si sia distinta per aver difeso fino al ridicolo i propri esponenti anche quando l’evidenza suggeriva di abbandonarli al loro destino, mentre la sinistra in soli sette giorni è riuscita nell’impresa di scaricare il sindacalista che era invece un candidato di punta in campagna elettorale. Invece il codduttore ribadisce di aver continuato a sentire, telefonicamente, il parlamentare autosospeso di Sinistra Italiana, e chiarendo che ci sono molti punti che deve chiarire ricorda però che non è indagato. E a questo punto parte il video in cui per la prima volta Soumahoro è comparso a Propaganda: era il 2018, in Calabria, e si stava protestando per l’omicidio di Soumaila Sacko. E che non solo Prpopaganda, ma i media, la sinistra, hanno capito che quella persona aveva qualcosa da dire e sapeva come dirlo. “Siamo incazzati più di tutti,  non solo incazzati ma anche delusi, amareggiati. Ma per quelli che portano avanti le lotte che lui ha rappresentato e che ci rimetteranno”, conclude Diego Bianchi.