Fatti

Denise Pipitone, la mamma Piera scopre dai giornali che si sta cercando “un cadavere” | VIDEO

“In questo momento sono scioccata, non nego anche che ho pianto poco fa. Non immaginavo che si parlasse d un cadavere di Denise”

Denise Pipitone

Un’ ispezione dei carabinieri del Reparto della Scientifica di Trapani in un appartamento che in passato era stato abitato da Anna Corona, la ex moglie di Piero Pulizzi, il padre naturale di Denise Pipitone, la bimba di 4 anni sparita nel nulla il primo settembre 2004. Anna Corona è la madre di Jessica Pulizzi, la ragazza che era finita sotto processo per il sequestro della bambina ma che poi venne assolta. Il sopralluogo è stato disposto dalla Procura di Marsala che nei giorni scorsi ha riaperto l’indagine. Secondo quanto si apprende gli inquirenti cercano di capire se sono stati fatti dei lavori edili in quella abitazione di via Pirandello. Secondo una fonte anonima i lavori sarebbero stati eseguiti dopo la sparizione della piccola. E, quello che si legge sui giornali e vien detto in tv, è che le forze dell’ordine sono alla ricerca del cadavere di Denise. Pochi minuti dopo, Piera Maggio (che già poche settimane fa ha dovuto sopportare il circo della televisione russa), è in onda, ospite del programma Ore 14. E – in diretta – esprime tutta la sua indignazione per non essere stata avvertita:

“In questo momento sono scioccata, non ti nego anche che ho pianto poco fa. Perché io questa notizia l’ho saputa mezz’ora fa attraverso i giornali. Me lo hanno detto attraverso i giornali, io non sapevo nulla di questo accertamento. Anche perché veramente non me lo aspettavo. So che i lavori devono essere fatti e vengono fatti, però non immaginavo così in pompa magna e non immaginavo soprattutto che si parlasse d un cadavere di Denise, che si cerca un cadavere. io sono scioccata perché avrei voluto un minimo di delicatezza. Non volevo tutti i dettagli, ma per lo meno saperlo”.

L’appartamento di via Pirandello a Mazara del Vallo (Trapani), dove da circa due ore è in corso una ispezione dei Carabinieri del Nucleo investigativo di Trapani, è disabitato da circa un anno. La palazzina in passato era abitato da Anna Corona, la madre della sorellastra di Denise Pipitone, la bambina di 4 anni scomparsa nel 2004 da Mazara. Ma poi era stata venduta. “I proprietari della casa sono in Svizzera, io ho solo portato le chiavi della palazzina ai Carabinieri che me le hanno chieste”. Lo ha detto ai giornalisti che si trovano in via Pirandello, a Mazara del Vallo (Trapani), la custode dalla palazzina in cui dalle 12.30 i Carabinieri del Nucleo di investigazioni scientifiche stanno facendo una ispezione. La casa era abitata in passato da Anna Corona, la madre della sorellastra di Denise Pipitone, la bimba di 4 anni scomparsa il 1 settembre 2004 da Mazara del Vallo. “La palazzina è disabitata da un anno”, dice la donna. La custode dice anche che di recente non sarebbero stati fatti dei lavori di ristrutturazione nella palazzina “solo piccoli lavori”, dice..

I carabinieri delle investigazioni scientifiche di Trapani che stanno eseguendo una ispezione nella palazzina che era stata abitata da Anna Corona, la madre della sorellastra di Denise Pipitone, hanno anche controllato una botola che si trova in uno dei due garage. L’ispezione è stata disposta dalla Procura di Marsala. “Per verificare – dicono gli inquirenti – lo stato dei luoghi e se sono stati effettuati lavori edili”.

La vicinanza del sindaco a Piera Maggio

“Mi aspetto che oggi non succeda nulla. Registro che oggi si è abbattuta una tensione terribile sulla signora Piera Maggio, una giornata terribile per lei, che non è stata preparata”. Lo ha detto all’Adnkonos Salvatore Quinci, il sindaco di Mazara del Vallo, parlando dell’ispezione nella palazzina di via Pirandello. “Non meritava oggi affrontare tutto questo e con queste modalità”, dice. “La Mazara che conosco io non è quella omertosa – dice – forse solo una cerchia ristretta di persone. C’è una Mazara che vuole la verità e che è vicina a Piera. E che questa sera sarà vicino a Piera Maggio per chiedere verità per Denise