Attualità

I due casi di Dengue a Gorizia e Ravenna

La donna, di 36 anni, affetta dal virus e ora ricoverata, non in pericolo di vita, avrebbe contratto la Dengue in Thailandia

dengue

È scattata l’emergenza sanitaria per un caso umano accertato di febbre Dengue. Ne dà notizia il Comune di Ronchi, che ha disposto a livello precauzionale una serie di disinfestazioni nel raggio di duecento metri dalla via dove abita la donna, di 36 anni, affetta dal virus e ora ricoverata, non in pericolo di vita, all’ospedale di Trieste, come precisa l’edizione odierna della stampa locale. Dall’amministrazione si informa che non c’è comunque alcun allarme. La donna avrebbe contratto la patologia nel corso di un recente viaggio in Thailandia.

I due casi di Dengue a Gorizia e Ravenna

Dopo aver ricevuto l’informazione dalle autorità competenti, il Comune di Ronchi ha compiuto una disinfestazione urgente già la scorsa notte. “Con nota dell’Azienda Sanitaria del 23 agosto è stato comunicato di aver accertato un caso di Dengue – si legge nell’ordinanza che dispone il trattamento eccezionale – e pertanto si sta procedendo alla disinfestazione adulticida. Durante il trattamento di disinfestazione è obbligatorio chiudere le finestre, restare al chiuso con finestre e porte ben chiuse e sospendere il funzionamento di impianti di ricambio d’aria, tenere al chiuso gli animali domestici e proteggere i loro ricoveri, suppellettili e ciotole – abbeveratoi con teli di plastica; prima del trattamento raccogliere la frutta e verdura presente negli orti o in alternativa proteggere le piante con teli di plastica in modo ermetico”. Oggi, a partire dalle 9.00 si effettuerà una disinfestazione larvicida in tutte le case private della zona e verranno verificati possibili focolai di infezione.

Chikungunya 2
La differenza tra la Chikungunya e la Dengue (fonte)

E ieri la diagnosi di Dengue, ipotizzata per un milanese che ha trascorso alcuni giorni a Lido Adriano, nel Ravennate, dopo un viaggio nelle Filippine, è stata confermata dagli esami di laboratorio. Lo riferiscono Ausl Romagna e Comune di Ravenna. “Si tratta quindi di un caso importato”, spiegano. La scorsa notte (tra il 22 e il 23 agosto) erano a scopo precauzionale scattate le misure straordinarie previste dal Piano regionale per il controllo delle arbovirosi (virus trasmessi da zanzare) consistenti nella disinfestazione con adulticida nel raggio di cento metri da dove ha soggiornato la persona con i sintomi. Nella medesima area sono anche stati ripetuti i trattamenti larvicidi nei pozzetti. Gli interventi saranno ripetuti anche nelle due notti successive, fino al 25 agosto.

Leggi anche: Tutti i guai giudiziari che aspettano Salvini fuori dal Viminale