Attualità

Di cosa è accusato Giuseppe Sala

beppe sala indagato

Il sindaco di Milano Giuseppe Sala ha annunciato ieri notte la volontà di “autosospendersi” dopo aver appreso da fonti giornalistiche di essere stato iscritto nel registro degli indagati nell’ambito dell’inchiesta sulla Piastra Expo. Sala non ha ricevuto un avviso di garanzia e questa mattina si è recato dal Prefetto di Milano per formalizzare la sua decisione che però non comporta le dimissioni (e la conseguente caduta del Consiglio Comunale) ma solo la sospensione dei suoi poteri di sindaco. Sala ha anche detto anche di non avere «la benché minima idea delle ipotesi investigative» della Procura di Milano.
beppe sala indagato autosospensione

Perché Sala è indagato per falso materiale e falso ideologico

L’ipotesi di reato, formulata dalla Procura generale, fa riferimento al periodo in cui Sala era Commissario di Expo e riguarda l’inchiesta per corruzione e turbativa d’asta, partita nel 2012, sull’aggiudicazione dell’appalto al consorzio di imprese guidato da Mantovani Spa di Piergiorgio Baita (già sotto inchiesta per i lavori del Mose a Venezia) che aveva vinto i lavori con un’offerta da 149 milioni di euro pari ad un ribasso del 42% su una base d’asta di 272 milioni di euro. Un prezzo decisamente fuori mercato che secondo gli inquirenti costituisce un’offerta anomala (pertanto la gara avrebbe dovuto essere annullata). La stessa inchiesta era stata il motivo dello scontro tra l’ex procuratore Edmondo Bruti Liberati e l’allora suo aggiunto Alfredo Robledo, poi trasferito d’ufficio a Torino. Un mese fa la Procura generale aveva tolto il fascicolo alla Procura della Repubblica perché non ne aveva condiviso la volontà di chiedere l’archiviazione anche delle uniche cinque posizioni minori sinora indagate. In merito a questa inchiesta Sala risulta indagato per i reati di falso materiale e falso ideologico commesso il 30 maggio 2012. La posizione di Sala si va aggiungere a quella di altri manager e imprenditori già iscritti nel registro degli indagati ovvero: gli ex manager Expo Angelo Paris e Antonio Acerbo, l’ex presidente della Mantovani spa Piergiorgio Baita e gli imprenditori Ottaviano ed Erasmo Cinque. Anche il costruttore Paolo Pizzarotti è stato aggiunto all’elenco degli indagati con l’ipotesi di reato di turbativa d’asta; Pizzarotti è il titolare di una delle due aziende (l’altra è Impregilo) che sono state battute dal ribasso della Mantovani. Ma secondo gli inquirenti si sarebbe invece accordato proprio con la Mantovani (Pizzarotti però si dichiara parte lesa nel procedimento). Il sostituto pg Felice Isnardi ha chiesto anche una proroga di sei mesi per le indagini, ed è probabile quindi che l’autosospensione di Sala possa durare lo stesso lasso di tempo. Ma a cosa fa riferimento l’ipotesi di reato a carico del sindaco di Milano? Isnardi spiega che per quanto riguarda il falso ideologico i fatti riguardano la “retrodatazione” del provvedimento con cui l’allora Commissario di Expo aveva sostituito uno dei componenti della commissione aggiudicatrice dell’appalto sulla Piastra. Si tratterebbe di una firma retrodatata sull’atto di nomina del nuovo membro della commissione. Alcune intercettazioni effettuate il 30 maggio 2012 nelle quali venivano discusse le modalità con cui sostituire il componente della commissione aggiudicatrice sul quale pesava una potenziale incompatibilità dimostrano che l’atto di nomina del nuovo componente, datato 17 maggio 2012, era stato appunto falsificato. Si tratta di un episodio già noto agli inquirenti visto che era presente in una nota della Guardia di Finanza sul quale però non era stato deciso di indagare perché ritenuto innocuo dal momento che si era trattato solo di un espediente per snellire i tempi che con la procedura standard sarebbero stati più lunghi e avrebbero potuto rallentare l’andamento dei lavori per Expo. Per quanto riguarda l’ipotesi di reato di falso materiale la questione è più delicata perché secondo l’accusa il Commissario di Expo avrebbe dovuto accorgersi che con l’offerta al massimo ribasso della Mantovani non si sarebbero potuti svolgere i lavori. Ci sono infatti alcune dichiarazioni di Baita che ha detto che “il progetto della piastra, così come licenziato dalla stazione appaltante, era assolutamente irrealizzabile senza sostanziali varianti che avrebbero conseguentemente modificato sensibilmente le condizioni contrattuali“. In mezzo ci si è messa la fretta per portare a termine i lavori in tempo per il 2015; l’ex dg di Infrastrutture Lombarde spa Antonio Rognoni, ha dichiarato agli inquirenti che nel 2014 che Sala avrebbe detto al manager che non c’era tempo per svolgere gli accertamenti sull’offerta presentata dalla Mantovani “Sono andato da Sala e ho spiegato i motivi per cui mi sembrava irragionevole l’offerta della Mantovani. Sala mi ha risposto che loro avrebbero proseguito con questo orientamento perché non avevano tempo per verificare se l’offerta era anomala o meno”. Inoltre Sala sarebbe venuto incontro alle richieste della Mantovani man mano che l’impresa si rendeva conto che non avrebbe potuto ultimare i lavori con il ribasso praticato. Ad esempio negli atti dell’inchiesta c’è l’affidamento diretto senza gara nel luglio del 2013 alla Mantovani della fornitura di seimila alberi da piantare sull’area di Expo, per quell’opera la Mantovani si è fatta pagare 4,3 milioni di euro a fronte di un contratto di fornitura stipulato dalla Mantovani con un’azienda vivaistica pari a 1,6 milioni di euro. In sostanza Expo ha pagato settecento euro a pianta gli alberi che la Mantovani aveva acquistato a poco più di duecento euro l’uno. Fermo restando che Sala non ha ricevuto nessun avviso di garanzia e che l’iscrizione nel registro degli indagati non equivale assolutamente ad una condanna chi difende Sala lodandone la scelta di auto sospendersi ricorda che i poteri straordinari concessi al Commissario di Expo per “arrivare in tempo” all’inaugurazione della manifestazione riflettessero una volontà condivisa a fare presto e ad abbreviare i tempi (ma non, naturalmente a compiere atti illeciti).
beppe sala indagato autosospensione

La vicesindaco eserciterà le funzioni di sindaco durante l’autosospensione di Sala

Nel frattempo Giuseppe Sala ha inviato una lettera ai ai vice sindaci di Milano, Anna Scavuzzo, di Città metropolitana Arianna Censi e al presidente del Consiglio comunale Lamberto Bertolè dove annuncia che la prossima settimana si presenterà al Consiglio del Comine di Milano e della Città metropolitana per riferire in merito ai fatti che lo hanno portato ad autosospendersi. Spiegando che oggi non ci sarà nessuna conferenza stampa a Palazzo Marino sulla decisione del sindaco Sala ha detto che “La mia assenza è motivata dalla personale necessità di conoscere innanzitutto le vicende e i fatti contestati, pertanto fino al momento in cui mi sarà chiarito il quadro accusatorio, ritengo di non poter esercitare i miei compiti istituzionali”, ai sensi dell’articolo 53, comma 2, del D.lgs. 267/2000 e dell’art. 42 dello Statuto del Comune di Milano e dell’art. 21 dello Statuto della Citta’ metropolitana Scavuzzo e Censi sostituiranno Sala nell’esercizio delle funzioni finché la vicenda non sarà chiarita.