Attualità

Il caso di meningite a Empoli

meningite

Sono state oltre un migliaio le persone che, tra ieri e stamani, si sono rivolte ai servizi messi a disposizione dalla dall’Azienda Sanitaria – Igiene pubblica per la profilassi a seguito della conferma dal laboratorio di immunologia della Aou Meyer della diagnosi di meningite da meningococco di tipo ”B” in una donna di 28 anni residente a Cerreto Guidi, sempre ricoverata presso l’ospedale di Empoli e le cui condizioni cliniche non destano al momento preoccupazione. Lo comunica l’Azienda Usl Toscana Centro. Ieri un gran numero di cittadini si sono recati al pronto soccorso del presidio ospedaliero San Giuseppe e stamani era possibile fare la profilassi agli ambulatori di via dei Capuccini aperti straordinariamente.

Il caso di meningite a Empoli


“La profilassi è stata richiesta soprattutto da chi aveva partecipato alla manifestazione ‘Dama di Birra’ presso il Circolo Arci di Corniola, la notte tra il 27 e il 28 maggio dalle 00.30 alle 03.30”, spiega la Ausl. I servizi, comunica la Ausl, continuano ad essere attivi e a disposizione di coloro che intendono sottoporsi alla profilassi e sono la guardia medica oggi dalle ore 16 alle 19 a Empoli (via San Mamante), Montelupo Fiorentino (viale Centofiori), Fucecchio (ospedale), San Miniato basso. Domani presso l’unità funzionale igiene pubblica – centro direzionale Asl 11 via dei Cappuccini dalle ore 9 alle 13. “La profilassi può essere effettuata anche dai medici e dai pediatri di famiglia”, spiega la Azienda Usl Toscana Centro ricordando “che devono sottoporsi a copertura antibiotica solo coloro che nei giorni scorsi hanno avuto contatti stretti e ravvicinati con la persona ammalata. La donna lavora presso la Misericordia di Cerreto Guidi: i contatti sono stati individuati”. “Ha inoltre frequentato regolarmente il ‘Bar Centrale’ di Cerreto Guidi negli ultimi giorni, ed è stata alla manifestazione ‘Dama di Birra’ presso il Circolo Arci di Corniola, la notte tra il 27 e il 28 maggio dalle 00.30 alle 03.30”, prosegue la Ausl. “La profilassi antibiotica, da assumere prima possibile su indicazione medica, è raccomandata solo per coloro che hanno avuto contatti ravvicinati con la donna, in ambienti chiusi, nei 10 giorni precedenti l’inizio della sintomatologia, ovvero a partire dal 25 maggio scorso – conclude – In particolare per la manifestazione ‘Dama di Birra’, la profilassi è precauzionalmente indicata solo a coloro che erano presenti nella fascia oraria sopra indicata”.