Attualità

Carola Rackete spiega chi è e perché Salvini non può salire sulla Sea Watch

Dopo quelle smentite al Corriere, la capitana della Sea Watch 3 rilascia un’intervista a Repubblica e si racconta. Non è ricca, non è comunista, è un’ambientalista e ha votato Varoufakis alle europee

carola rackete sea watch lampedusa

Dopo il caso delle interviste a Virginia Piccolillo del Corriere della Sera smentite, Carola Rackete rilascia un’intervista a Fabio Tonacci su Repubblica e sfata molte delle fregnacce messe in giro da Matteo Salvini e dalla banda della propaganda a carico nostro che lavora al ministero dell’Interno:

Sa cosa dice Matteo Salvini di lei? Che è una sbruffoncella comunista, criminale e pirata.
«Non mi sorprende, l’ho querelato per questo. E l’ho denunciato per istigazione a delinquere. I sovranisti sono tutti uguali: distorcono i fatti e li trasformano in opinioni. Le loro opinioni».

Dice anche che lei è ricca e figlia di papà.
«Bugie. Mio padre è in pensione e lavorava in una compagnia che produce giubbotti antiproiettile. Mia madre fa parte di una piccola Ong legata alla Chiesa, si occupa dei detenuti e viene regolarmente insultata per questo. Quando ero teenager dovevo lavorare se volevo andare in vacanza».

Farebbe salire sulla Sea-Watch il ministro italiano? Magari cambia idea su di voi.
«Non possiamo».

Perché?
«Abbiamo una regola molto rigida: niente razzisti a bordo».

Giancarmine Bonamassa foto segnaletica carola rackete

Poi Carola racconta qualcosa di sé:

Ma chi è davvero Carola Rackete?
“Sono un’ambientalista convinta, atea e cittadina europea. Giro il mondo da quando ho 23 anni. Non mi sento particolarmente tedesca, sto in Germania appena un mese all’anno. Siamo cresciuti con l’idea dell’Unione Europea, e troppo spesso ci dimentichiamo quanto sia importante quest’istituzione. Dovrebbe essere ancora più integrata, così gli Stati sarebbero costretti ad accettare la redistribuzione dei richiedenti asilo, invece di fare quei balletti ridicoli. Alle ultime Europee ho votato per Yanis Varoufakis».

carola rackete 1

Dicono che lei è un’ambientalista come Greta Thunberg.
«Faccio parte del gruppo inglese Extinction Rebellion, che lotta contro i cambiamenti climatici. Greta sta provando veramente a cambiare le cose, lo vedo dalle reazioni che suscita tra studenti, genitori, professori, società civile».

Ma anche lei non prende l’aereo perché inquina troppo?
«Tendo ad evitarlo quando posso, sì. Sono andata in Cina in treno, per dire».

Ma c’è un posto nel mondo che lei chiama “casa”?
«No».

Leggi anche: “Questa Lega è una vergogna”: lo striscione non andava sequestrato