Opinioni

Caro Sallusti, equiparare fascismo e comunismo è una sciocchezza. In Italia è una bestemmia

@Lorenzo Tosa|

Titolo Libero oggi sallusti no-vax pfizer editoriale

A un certo punto, in palese difficoltà e imbarazzo di fronte all’inchiesta di “Fanpage”, il direttore di “Libero” Alessandro Sallusti ha tirato fuori un classico della retorica della destra: “Perché la sinistra non ha mai detto che il comunismo è stato il male assoluto?” Come se il comunismo non solo fosse paragonabile al fascismo ma addirittura peggio.

Caro Sallusti, provo a spiegartelo una volta per tutte, definitivamente:

1. Perché sulla Costituzione italiana che dovresti conoscere a memoria c’è anche la firma di Umberto Terracini, fondatore e membro di spicco del Partito Comunista. E nessuna dei fascisti.

2. Perché l’Italia non ha mai avuto un regime comunista, mentre per un ventennio è stata soffocata, massacrata e, infine, distrutta da una delle dittature più feroci, razziste e sanguinarie della storia dell’uomo.

3. Perché, al netto di tutte le enormi storture e contraddizioni, il Manifesto di Marx ed Engels su cui poggia il comunismo era un ideale (tradito e forse utopistico) di riscatto ed emancipazione delle classi oppresse, mentre il fascismo e, in particolare il nazismo, si basano sull’idea stessa della superiorità di una razza su un’altra, sulla soppressione dei diritti elementari, sull’eliminazione fisica degli oppositori, degli ebrei, degli “impuri”, dei fragili, dei deboli, degli omosessuali, dei “diversi”.

4. Perché, se il fascismo in Italia è stato sconfitto e abbattuto, lo dobbiamo anche e soprattutto ai comunisti.

5. Perché, se questo Paese ha leggi e conquiste degne di un Paese civile (dal suffragio universale al divorzio, dall’aborto ai diritti dei lavoratori), lo dobbiamo anche ai comunisti.

6. Perché il fascismo e il nazismo sono durati circa un ventennio e sono inscindibili dai rispettivi regimi e dittatori, mentre il comunismo ha oltre 150 anni di Storia, si è diffuso in tutto il mondo, in Italia è stato per un secolo simbolo di civiltà, progresso, democrazia, uguaglianza, senza mai governare, e l’orrore prodotto dal comunismo al potere non è stata la sua essenza ma una catastrofica – e forse inevitabile – degenerazione.

Per tutte queste ragioni, equiparare fascismo e comunismo è in assoluto una sciocchezza storica. Farlo in Italia, nel Paese di Gramsci e Berlinguer, è semplicemente una bestemmia. E non te lo dice un comunista, solo uno che ha studiato la Storia. È ora che lo facciate anche voi. Non è mai troppo tardi.