Fatti

Carla Raineri: lo stipendio da 193mila euro del capo di gabinetto di Virginia Raggi

carla raineri virginia raggi 1

«Io sono un magistrato, guadagnavo 170 mila euro, ora sono 21 mila in più, al netto la metà, ovvero circa mille euro al mese con cui pago anche l’alloggio a Roma». Così Carla Raineri, nuovo capo di gabinetto della sindaca di Roma Virginia Raggi, reagisce alle polemiche scaturite dall’ufficializzazione della sua nomina e del suo stipendio. Una nomina problematica e rallentata dagli errori della sindaca, che aveva provato con l’accoppiata Frongia-Marra prima di rendersi conto dell’inopportunità delle sue scelte e varare il piano B.

Carla Raineri: lo stipendio da 193mila euro

Che prevede non a caso l’approdo di una ex commissaria di Tronca: non a caso la delibera dell’assunzione è del 5 agosto ma è stata pubblicata ieri, e subito Marco Palumbo (Pd), presidente della Commissione trasparenza del Campidoglio, ha attaccato sui social. «Compensi degli ultimi 4 capi di gabinetto: Basile 180.000 (Alemanno), Basile 75.000 (Alemanno), Fucito 73.000 (Marino). Raineri nuovo capo di Gabinetto 193.000. Grazie Virgi’ per lo spreco…».  Anche i sostenitori della sindaca sulla sua pagina Facebook, contestano la scelta: «Virginia è vero che il vostro capo gabinetto prende 193.000 euro? Non posso credere sia cosi. Per favore smentite questa notizia», scrive una grillina. Un’altra le risponde pubblicando la delibera e commenta: «Sì, è vero». Un altro post precisa: «A Parma lo stesso ruolo è coperto con un compenso di 30.000 euro».

carla raineri virginia raggi
I compensi dello staff di Virginia Raggi e della giunta (Il Messaggero, 13 agosto 2016)

E la Raineri sembra molto combattiva: “Siamo matti? Io ci perdo a venire a lavorare a Roma”, fa sapere in un’intervista al Messaggero iscrivendosi così di diritto al pantheon dei martiri della patria.

«Il mio cud è 199mila euro solo dalla magistratura, più altri 7mila di commissione tributaria. E poi vogliamo parlare dell’albergo o della casa a Roma?E gli spostamenti con Milano?».
Sta di fatto che rispetto ai suoi ultimi tre predecessori lei, nominata dal M5S, è la più pagata.
«Ma secondo lei a tre anni dalla pensione mi trasferisco a Roma per rimetterci? Così i contributi si abbassano. Se uno vuole prendere un capo di gabinetto che costa meno può prendere mio figlio: guadagna 1.500 euro al mese».
Sembra non averla presa bene questa storia.
«Ma certo, un magistrato come me che con 35 anni di carriera, si trasferisce a 600 chilometri di distanza lontana dagli affetti, lavorando dalle 7 di mattina alle 24 viene attaccata per gli stipendi d’oro. Vogliamo parlare delle ferie?».

Una vita di stenti e privazioni, insomma.