Fatti

Il gravissimo incidente del bus precipitato a Capri: un morto e molti feriti

L’incidente di queste ore a Capri è costato la vita all’autista, 19 feriti, due gravi trasportati a Napoli, tra cui un bambino

Capri schianto anacapri incidente un morto

Non è ancora chiaro il bilancio del tragico incidente avvenuto in queste ore a Capri, sul posto anche gli elicotteri del 118. Secondo le prime ricostruzioni un minibus sarebbe uscito di strada precipitando in una scarpata a ridosso di uno stablimento balneare a Marina Grande, tra le vittime accertate al momento compare solo l’autista del veicolo. I feriti sono 28 al momento. All’ospedale Capilupi di Capri sono arrivati i passeggeri, le cui condizioni sono in corso di valutazione da parte dei medici. In caso di pazienti in condizioni particolarmente gravi, questi verranno trasferiti con un elicottero all’Ospedale del Mare.

Il gravissimo incidente del bus precipitato a Capri: un morto, feriti gravi trasportati a Napoli

Al momento sono due i passeggeri del minibus precipitato a Capri trasportati in elicottero all’Ospedale del Mare di Napoli perché in gravi condizioni, ma il numero delle persone che hanno bisogno di trasporto veloce verso il capoluogo continua a crescere. Uno dei due soggetti trasportati è un bambino, che ha riportato una doppia frattura. L’elicottero con supporto medico infermieristico è stato inviato sull’isola dalla Asl Napoli 1 Centro, azienda sanitaria competente sul territorio dell’isola di Capri oltre che su quello del comune di Napoli. Il primo a parlare è stato il vicesindaco del comune isolano, “Al momento ci stiamo preoccupando di soccorre i feriti, non abbiamo ancora capito la dinamica dell’accaduto. Abbiamo mandato i nostri medici e la protezione civile in soccorso”, spiega Francesco Cerrotta, il vicesindaco di Anacapri.

Tra i feriti più gravi al momento anche il bagnino dello stabilimento coinvolto. “Tanta paura. Il pullman ha sfondato la barriera ed è rotolato giù. Fortunatamente non ci sono sati feriti tra clienti, bagnanti e personale. – ha detto all’Adnkronos Gemma la titolare del ristorante e stabilimento – I clienti li abbiamo lasciati liberi di lasciare la struttura. Credo che sarebbe potuta essere una tragedia ben peggiore. Il mezzo avrebbe potuto rotolare fino al solarium, ma così non è stato”