Fatti

I calciatori della Juventus e la festa in 20 in collina: multati per aver violato le norme anti Covid

A organizzare la festa a casa sua è stato Weston McKennie. Invitati Paulo Dybala e Arthur Melo, con le rispettive famiglie. Il centrocampista bianconero non voleva aprire ai carabinieri, e ha rischiato anche la resistenza a pubblico ufficiale

Juventus dybala

Cosa succede se a violare le norme anti-covid sono alcuni tra i calciatori della Juventus? Alla festa fuorilegge organizzata nella casini collina di Weston Mckennie c’erano anche Arthur Melo e Paulo Dybala. Solo loro tre? No. Perché erano accompagnati dalle rispettive famiglie e amici. Tanto che – seppure isolati nelle colline torinesi – qualcuno li ha sentiti, presumibilmente qualche vicino che ha notato la presenza di troppe persone. E che ha pensato di avvisare le forze dell’ordine, tanto che lì sono arrivati intorno alle 23 i militari dell’Arma, che hanno citofonato chiedendo di entrare. Ma in casa, tra la preoccupazione per le ripercussioni (non economiche, figurarsi, ma di immagine) e altro, hanno deciso di non aprire ai militari. Che però hanno insistito, fino a che – dopo circa un’ora e rischiando di essere accusati anche di resistenza a pubblico ufficiale – hanno aperto.

I carabinieri son saliti in casa e hanno visto che effettivamente era tutto come raccontato dalla segnalazioni. Una vera e propria festa con una ventina di persone, in barba a tutte le norme anti Covid. Non solo infatti il Piemonte è regione rossa, ma comunque non si sarebbero potute organizzare feste a casa con così tante persone. Ah, e poi c’è anche la questione coprifuoco: alle 23.30 erano ancora tutti lì. Ovviamente sono stati multati. Che – direbbe qualcuno: “Capirai, con quello che guadagnano”. Vero, però – oltre alla multa dei carabinieri – molto probabilmente arriverà anche una sanzione del club, che certamente non avrà gradito. La Juventus, è uno tra i club più importanti in Europa, oltre a essere quello con il maggiore fatturato in Italia. Ovviamente tiene molto alla sua immagine, e ora multerà i tre. Non sono invece previste sanzioni tecniche, e infatti tutti i calciatori dovrebbero già essere in campo (o in panchina) già a partire dalla prossima sfida, il derby con il Torino.