Attualità

Ma se la Protezione Civile ha dichiarato Borrelli negativo al tampone perché lui dice di non voler fare “quell’esperienza”?

In conferenza stampa un giornalista gli chiede quante persone sono sottoposte al test e lui replica che “una persona almeno ne fa tre di tamponi”. A questo punto qualcuno lo interrompe e dice: “Per esperienza personale?”. E lui risponde: “Per carità, non la voglio fare quest’esperienza”. Ma non l’aveva già fatto alla fine di marzo dopo la febbre?

Adriana Spappa, utente Twitter sempre molto attenta a quello che succede in giro, ha pubblicato ieri un video tratto dalla conferenza stampa della Protezione Civile in cui Angelo Borrelli risponde in modo molto curioso a una domanda sul test del tampone per il Coronavirus SARS-COV-2 e COVID-19. Gianluca De Rosa dell’agenzia NOVA gli chiede quante persone sono sottoposte al test e lui replica che “una persona almeno ne fa tre di tamponi”. A questo punto qualcuno lo interrompe e dice: “Per esperienza personale?”. E lui risponde: “Per carità, non la voglio fare quest’esperienza”. Poi prosegue spiegando che di solito se ne fanno tre e quindi questo inficia i risultati sui test del tampone. Ma la parte interessante della replica è quando Borrelli dice che non vuole fare “quest’esperienza”: il 26 marzo scorso infatti la Protezione Civile aveva comunicato che lo stesso Borrelli era risultato negativo al test del tampone dopo che il giorno prima era saltata la sua conferenza stampa perché il capo della Protezione Civile aveva alcuni dei sintomi del Coronavirus.

angelo borrelli test del tampone coronavirus

Della sua febbre gli chiede anche oggi in un’intervista Fiorenza Sarzanini sul Corriere della Sera. La risposta è evasiva e non conferma il test del tampone:

Lei è ormai un punto di riferimento per gli italiani che attendono la sua conferenza. Che cosa ha pensato quando ha avuto la febbre?
«Ad agire secondo responsabilità e nella tutela degli altri, per questo ho lasciato subito la sede del Dipartimento. Non posso nascondere che sono state ore di preoccupazione, per la famiglia, per i colleghi, si ripensa a tutte le persone con cui si ha avuto a che fare, temi per loro, poi anche per te.Fortunatamente non era nulla di grave, mi sembra anche irrispettoso parlarne, vista la situazione che stiamo vivendo».

angelo borrelli test del tampone coronavirus 1

Va ricordato che il giorno prima Dagospia aveva persino annunciato che il test del tampone era positivo:

angelo borrelli coronavirus

E non finisce qui. Perché nella mattinata del 26 marzo il Corriere della Sera in prima pagina aveva scritto la stessa cosa:

corriere della sera borrelli positivo
Vale appena la pena di ricordare che i risultati dei test del tampone, così come qualunque notizia che riguarda la salute delle persone, non sono per niente pubblici anche se si tratta di personaggi che rivestono ruoli istituzionali. Se sono loro stessi a divulgarli, va bene. Ma nel caso in cui non lo siano – e questo pare proprio quel caso – ci sarebbe un garante della privacy da allertare in Italia. Ma ora non si capisce più nulla: Borrelli è stato o no sottoposto al test del tampone per il Coronavirus?

Leggi anche: Le passeggiate e lo jogging si possono fare o no? Lo scontro tra De Luca, Gallera e il Viminale