Attualità

Insulta e molesta un ragazzo che stava passeggiando per le strade di Bologna in gonna: arrestato

Il giovane era stato trovato in lacrime da una pattuglia. Immediate le ricerche dell’uomo che è stato individuato e arrestato per violenza sessuale

Bologna padre denuncia figlio rimini roma

Lo aveva incrociato in strada, in una delle tante strade del centro di Bologna. Prima ha iniziato a schernirlo a suon di insulti di stampo omofobo, poi ha proseguito nella sua aggressione fisica mettendo le sue mani sulle parti intime del giovane. Il ragazzo, vittima di questo sopruso, è riuscito a reagire e fuggire da quell’uomo – anche grazie a uno spray al peperoncino – prima di essere trovato, in lacrime, da una pattuglia della Polizia. E agli agenti il giovane ha raccontato cosa aveva subito solo qualche minuto prima.

Bologna, arrestato l’uomo che ha molestato e insultato un ragazzo con la gonna

Il ragazzo ha raccontato alla Polizia, che lo aveva intercettato in lacrime lungo via Amendola, stava camminando per le strade del centro di Bologna. Indossava una maglietta e una gonna. Il suo abbigliamento aveva attirato l’attenzione morbosa e gli insulti di quell’uomo – un 40enne – che aveva iniziato a schernirlo con frasi di stampo omofobe e altre parole relative all’identità di genere del giovane. Quest’ultimo, però, aveva provato a ignorare tutto ciò, proseguendo per la sua strada.

Ma quel molestatore non si è fermato. Ha rincorso il ragazzo e, dopo l’aggressione verbale di stampo omofobo, è passato a quella fisica. Il giovane – come riporta La Repubblica – ha raccontato che quell’uomo ha proseguito nella sua azione, andando a palpare le sue zone intime. E lì il giovane ha reagito utilizzando quella bomboletta di spray al peperoncino che porta sempre con sé. Solo questo ha messo in fuga il suo aggressore. Con grande lucidità, la vittima di questa molestia sessuale ha raccontato agli agenti i dettagli di quello che aveva subito, fornendo anche una descrizione completa del suo aggressore. Poco dopo, gli stessi agenti hanno individuato l’uomo (ancora alle prese con gli effetti, sugli occhi, di quello spray urticante) e lo hanno arrestato con l’accusa di violenza sessuale.

(Foto IPP/Maurilio Boldrini)