Fatti

Beppe Grillo: Repubblica scopre Tze Tze

«Per il M5S giornali e televisioni sono “trombettieri del sistema”. Ma il blog del leader e i siti di Casaleggio padre e figlio costruiscono una realtà a senso unico: dove i pentastellati vincono sempre e il cancro si combatte con sale e canapa»: Sebastiano Messina su Repubblica oggi firma un articolo che farà arrabbiare assai il sistema Beppe Grillo. Perché parla di tutto il sistema di propaganda di contenuti messo su dalla Casaleggio e Associati, compresi i vari portali che servono a riempire di contenuti «discutibili» l’internet:

Ebbene, chi indossa gli occhiali colorati di Grillo scopre subito un mondo fantastico. Un mondo nel quale si racconta la lotta del Bene contro il Male, attraverso le mirabolanti avventure di un manipolo di coraggiosi paladini del popolo. Un mondo dove ogni giorno il nemico numero uno — Matteo Renzi, al momento— viene «smascherato»,«svergognato», «sbugiardato»,«sputtanato», «distrutto» e al tramont oviene puntualmente dichiarato«finito». Un mondo nelquale vengono rivelate le notizieche i giornali nascondono e la televisionecensura. Un mondo, insomma,dove non ci si annoia mai,dove gli scoop piovono a grappoli,dove c’è sempre unaverità appena scoperta, unoscandalo appena svelato, un furbacchioneappena stanato per alimentarela giusta rabbia contro lacasta del militante a cinque stelle.

Il quotidiano pubblica persino i lanci su Facebook di Tze Tze:


E chiude segnalando il modus operandi del web a 5 Stelle:

Ed è proprio sulla viralità, lapropagazione a ritmi geometrici,che punta il sito di Casaleggio,«Tze Tze». Affiancando alla politica — nella colonna destra del sitobeppegrillo.it — le notizie sulla vita quotidiana, «selezionate da siti rigorosamente solo online» per promuovere finalmente «l’informazione indipendente in Rete».Ma sì, basta con le notizie filtratedal Potere. Ecco una cascata discoperte miracolose. Come «i dieci vantaggi di avere il seno piccolo» (il sesto è che «puoi guardare ilpavimento»). Oppure «la macchianera che ha spiazzato gliscienziati» (un banco di acciugheal largo di San Diego). O ancora«l’attività che per le donne è più eccitante del sesso» (acquistare un paio di scarpe).

E quindi:

Non si parla della misteriosa lavatrice che smacchia senza detersivo, annunciata da Grillo vent’anni fa, però c’è«l’incredibile scoperta» di un vasaio indiano: un frigo in terracotta che, pensate, «funziona senza corrente». Poi ci sono tante notiziefresche, tutte rigorosamente censuratedai media ufficiali, per chiha una malattia grave. «Come distruggerele cellule tumorali», peresempio (la risposta è «iniezionidi sale»). «Ecco l’alimento checombatte il cancro» (il succo dimelograno!). C’è persino un’intervistaall’uomo che «ha curato ilcancro con la canapa». «Fate girare» ripetono ossessivamente i titoli.E intanto, con i clic, aumentanoesponenzialmente anche gli introitipubblicitari: nel 2013 la “CasaleggioAssociati” ha quasi raddoppiatoil fatturato, da 1,2 a 2 milionidi euro.