Fatti

Benigni e la gag con Mattarella che deve rimanere perché “porta bene” | VIDEO

Roberto Benigni viene premiato a Venezia con il Leone d’oro alla carriera e ne approfitta per chiedere a Mattarella di rimanere ancora.

benigni video sgarbi plagio braschi

Roberto Benigni viene premiato a Venezia con il Leone d’oro alla carriera e dedica il suo premio alla moglie Nicoletta Braschi. E ne approfitta per chiedere a Mattarella di rimanere ancora.

Benigni e la gag con Mattarella che deve rimanere perché “porta bene” | VIDEO

“Io mi meritavo un gattino, un micino, ma non un Leone, e poi addirittura d’oro: è davvero il premio più prestigioso, più bello, più lucente, più luminoso che si possa sognare in Italia; uno dei premi più straordinari, meravigliosi del mondo” ha esorrdito Roberto Benigni durante la cerimonia inaugurale della 78esima edizione della Mostra del Cinema di Venezia, nel corso della quale all’attore e regista premio Oscar è stato assegnato il Leone d’oro alla carriera. Dopo la ‘laudatio’ da parte della regista Jane Campion con le motivazioni per cui la Biennale di Venezia, presieduta da Roberto Cicutto, ha attribuito il prestigioso riconoscimento, l’attore e regista premio Oscar ha raccontato: “Quando mi hanno chiamato ho fatto dei salti di gioia, dei passi di rumba, di mambo: un giorno quando saremo soli ve li farò vedere, perchè sono un ballerino straordinario. Ho fatto dei passi di danza meravigliosi”. Poi il passaggio simpaticissimo su Mattarella: “Quando mi hanno detto che Mattarella sarebbe stato a Venezia – ha raccontato Benigni – ho avuto la stessa reazione che ha avuto lei presidente quando era a Wembley e ha segnato Bonucci: ‘no! Gol, c’è Sergio Mattarella”. Poi Benigni ha ringraziato Laura Mattarella, che accompagnava il padre (“Sono felice che lei sia qua” e le altre autorità presenti nella Sala Grande del Palazzo del Cinema: il ministro della Cultura Dario Franceschini, il presidente del Veneto, Luca Zaia (“Che bellezza governare una regione così bella, il Veneto, io la invidio, caro Zaia, un giorno o l’altro ci conosceremo, ho grande stima”), il sindaco di Venezia Luigi Brugnaro, alla guida di “una città unica”.

L’attore toscano si è poi lanciato in un endorsement a sostegno del secondo mandato di Mattarella al Quirinale, che è stato salutato da un’ovazione: insieme agli applausi dalla platea si sono levate grida come “bravo”, “hai detto bene”, “bis”. “Presidente Mattarella rimanga con noi ancora un po’, almeno fino alla prossima Mostra del Cinema, rimanga con noi magari fino ai Mondiali di Calcio in Qatar, perchè porta fortuna, porta bene. Deve rimanere, deve rimanere presidente qualche anno in più”, ha perorato Benigni. Il premio Oscar per il film “La vita è bella” ha poi ringraziato “Venezia per l’accoglienza e il sostegno. Quando sono arrivato ho ricevuto un’accoglienza da doge, con uno scampanio, dalle gondole alle barche… Poi ringraziato il presidente Roberto Cicutto che ha voluto onorarmi di questo premio, grazie di cuore; il direttore della Mostra del Cinema, Alberto Barbera, che quando mi ha chiamato ho fatto un salto e mi sono spogliato dalla gioia anche se lui non mi ha visto”.

“Chi riceve un dono così grande da una manifestazione d’amore – ha commentato Benigni a proposito del Leone d’oro – ha un solo dovere come dice Sant’Ambrogio: il primo dovere è ringraziare. E’ un ringraziamento che io faccio a tutti coloro che mi hanno voluto semplicemente bene e che hanno creduto in ciò che facevo, dalle prime persone senza le quali non avrei mosso i primi passi nel mondo dello spettacolo: io vengo dal nulla, da una povertà meravigliosa, aristocratica. Tante persone mi hanno aiutato in questo viaggio che mi ha condotto a questo meraviglioso regalo. E voglio cominciare proprio dai primi passi, devono davvero tanto a Donato Sannini, Carlo Monni e Lucia Poli, e poi due stelle luminose, polari, che hanno orientato il mio cammino nel mare dello spettacolo: Giuseppe Bertolucci e Vincenzo Cerami. E poi tutti i registi con i quali ho lavorato i quali hanno creduto in me, mi hanno scelto: è un’emozione immensa essere scelti. E molti mi hanno scelto e hanno fatto delle storie con me che sono diventate storie di tutti: Marco Ferreri, Ugo Gregoretti, Paolo Pietrangeli, Luigi Zampa, Bernardo Bertolucci, Costantino Costa-Gravas, Sergio Citti, Renzo Arbore, Massimo Troisi, Jom Jarmusch, Federico Fellini, Blake Edwards, Claude Zidi, Woody Allen, Matteo Garrone. A tutti loro un grazie per avermi scelto, per avermi guardato negli occhi e avermi detto ‘voglio te, ti voglio bene, c’è qualcosa in te’. E’ un’emozione enorme”.

Quindi Benigni ha voluto dedicare il Leone d’oro alla moglie Nicoletta Braschi, “una persona che è nell’apice dei miei pensieri, la mia attrice prediletta”. “In verità non posso nemmeno dedicare questo premio a Nicoletta, perchè in verità – ha sottolineato rivolgendosi alla moglie – le appartiene. E quindi Nicoletta lo dedicherai tu a chi vorrai. Io e te abbiamo fatto tutto insieme per 40 anni. Io conosco una sola maniera di misurare il tempo: con te e senza di te. Però lo possiamo condividere questo Leone: io mi prendo la coda, per farti vedere la mia gioia, la mia gioia scodinzolando e tu ti prendi il resto; soprattutto le ali sono tue, perchè se nel lavoro qualche volta ho preso il volo è grazie a te, al tuo talento, al tuo mistero, al tuo fascino, al tuo talento, alla tua bellezza, alla tua femminilità, al fatto di essere donna. Essere donna è un mistero che noi uomini non comprendiamo. Aveva ragione Groucho Marx quando diceva ‘gli uomini sono donne che non ce l’hanno fatta’. Ed è la verità. Io non ce l’ho fatta ad essere come te Nicoletta. Se qualcosa di bello e buono ho fatto nella mia vita è stato sempre attraversato dalla tua luce. Il nostro è stato un amore a prima vista, anzi ad eterna vista”.

Conclusa la cerimonia nella Sala Grande nel Palazzo del Cinema al Lido di Venezia, Roberto Benigni è uscito ed è tornato sul red carpet con il Leone d’oro per accontentare i fotografi. Poi ha parlato brevemente con i cronisti rispondendo ad alcune domande, non prima però di aver improvvisato qualche passo di rumba, gli stessi che fecero Marcello Mastroianni e Sophia Loren nel film “Una giornata particolare” di Ettore Scola. “E anche per me è stata una giornata particolare, unica, irripetibile. A meno che – ha scherzato Benigni – non mi abbiano dato il Leone d’oro perchè sono un principiante, un bambino. Del resto a Venezia abbiamo avuto Tiziano che ha cominciato a fare le sue opere più belle alle soglie dei 90 anni. Quindi può essere che tra una trentina di anni, nel centesimo anniversario della Mostra del Cinema mi daranno un secondo Leone d’oro per la seconda parte della mia carriera”.

Benigni ha quindi spiegato la sua dichiarazione di amore per la moglie: “In un momento così non ce l’ho fatta a parlare di lavoro, del resto ho fatto tutto con Nicoletta e quindi questo Leone d’oro le appartiene”. L’attore ha poi dedicato il Leone d’oro “a tutti gli italiani, perchè senza gli italiani e senza l’Italia che mi hanno voluto bene per le cose che ho fatto non mi avrebbero mai dato questo premio”.

A proposito del suo endorsement per il prolungamento della permanenza del presidente Mattarella al Quirinale anche con un secondo mandato, il premio Oscar per “La vita è bella” ha dichiarato: “Io sono veramente orgoglioso per essere suo contemporaneo. Vorrei studiare da Grande elettore per andare a votare alle prossime elezioni per fargli fare il secondo mandato. Lo voglio convincere, ma non ho occasione di parlarci tanto. Per me Mattarella è il presidente più prestigioso, con una sua serietà e una sua allegria. E’ incredibile, è un presidente davvero che ci ha aiutato tanto in questo momento in cui l’Italia ha avuto bisogno di una presenza che ci desse sicurezza e lui ha fatto tutto questo per tutti noi”.