Senza categoria

Bassetti sbrocca contro i no vax in diretta: "Ci vuole l'obbligo con i carabinieri" | VIDEO

neXt quotidiano|

matteo bassetti no vax carabinieri

“Dopo il Covid dovremo ripensare al nostro sistema educativo. Capisco la paura del vaccino, ma negare la pandemia e sostenere cure a base di erbe e bacche è grave, qualcosa su cui la politica dovrebbe agire. Per queste persone l’unica alternativa possibile è l’obbligo vaccinale. Bisognerebbe mandare i carabinieri a casa a prenderli”. Un durissimo attacco ai no vax quello di Matteo Bassetti: il primario di Malattie infettive dell’ospedale San Martino di Genova è intervenuto dopo un servizio mandato in onda durante la puntata della trasmissione Tagadà di La7. Ospite del programma di Tiziana Panella, ha scosso la testa in evidente segno di dissenso davanti agli interventi dei no-vax.

“Queste persone sono le stesse che corrono in ospedale con 94 di saturazione. Il problema è molto semplice: sei libero di non vaccinarti, ma vivi in una comunità che ha un sistema sanitario che coinvolge tutti e devi rispettarlo. Per farlo devi vaccinarti, altrimenti non sei un buon cittadino” ha aggiunto l’infettivologo.

Un intervento che gli ha attirato le critiche e gli insulti degli scettici del vaccino sui social. Un fenomeno già verificatosi in passato, per il quale Bassetti aveva già denunciato tutto e in seguito alle sue segnalazioni la Procura della Repubblica di Genova aveva aperto un’inchiesta. A far scattare la denuncia la scritta “A morte Bassetti” su un autobus dell’AMT di Genova.

“La maggioranza dei pazienti non vaccinati attualmente presente in reparto – conclude Bassetti – ha tra i 45 e i 70 anni. Queste persone non riescono a respirare, è come andare sotto l’acqua e non riuscire a riemergere. Sono momenti terribili, perché fare tutto questo solo per andare contro un provvedimento politico? Questa è una sconfitta per tutti”.