Cultura e scienze

«Il barbiere alla Camera guadagna 99000 euro»

In attesa che oggi venga approvato il regolamento di Camera e Senato sui tetti agli stipendi dei dipendenti di Palazzo Madama e Montecitorio, Il Messaggero fa i conti in tasca ai lavoratori e tira fuori un titolo che farà discutere:
dipendenti camera 1
Il risparmio totale attestato dai tecnici di Montecitorio e Palazzo Madama è di 60 milioni di euro per la Camera e 36 per il Senato. Diodato Pirone spiega che mentre il capo della Polizia oppure il direttore delle Entrate (che fino al 2011 guadagnavano oltre 600 mila euro annui) si sono visti ridurre di punto in bianco le loro buste paga, per i dipendenti delle camere si procederà con i guanti gialli: gli stipendi diminuiranno gradualmente per toccare il tetto solo nel 2018. E i barbieri? Spiega il quotidiano romano:

Per gli assistenti egli operatori tecnici (cioè i lavoratori che hanno compiti importanti ma relativamente semplici)il tetto massimo sarà di 99mila euro lordi rispetto ai 136mila previsti oggi dopo 40 anni di contribuzione. A questa ”categoria” appartengono anche i barbieri della Camera che, dunque, vanno a rimetterci ben 37 mila euro. […] E i 21 sindacati? Si rivolgeranno
alla magistratura. Per loro l’attacco alle retribuzioni in atto è semplicemente illegittimo e pensano che il giudice del lavoro porrà fine ad ogni gioco. Sarà. Ma con un Pil negativo per il terzo anno consecutivo è proprio così assurdo chiedere qualche sacrificio ai superpagati barbieri di Montecitorio?

Leggi sull’argomento: Quanto guadagneranno i dipendenti di Camera e Senato