Attualità

Chi è la bambina vicina al terrorista ferito a Schaerbeek

bambino schaerbeek video

Rtl.BE scrive che durante l’operazione di polizia a Schaerbeek che ha portato all’arresto di un sospetto ferito alle gambe dalle forze dell’ordine è stata portata via dalla scena dell’accaduto una bambina che si trovava vicino al sospetto dopo che quest’ultimo era stato colpito. Non abbiamo informazioni su dove si trovasse la bambina nel momento in cui le forze dell’ordine hanno aperto il fuoco. La bambina sarebbe la figlia della persona ferita, secondo alcuni. Secondo altre versioni però la bambina sarebbe figlia dell’uomo vestito di arancione ma l’uomo sembra essere della polizia, visto che sembra avere delle armi sulla cintura. L’uomo arrestato durante l’operazione anti-terrorismo a Schaerbeek aveva preso in ostaggio una donna con un bambino prima di essere bloccato dalla polizia che lo ha ferito a una gamba, secondo invece quanto scrive L’Echo, citando un testimone, secondo il quale il sospetto ha lasciato andare il bambino ed è stato poi colpito dagli agenti. Dopo essere stato controllato per la possibile presenza di esplosivi, il sospetto è stato trasferito in ospedale in ambulanza. Nell’immagine che si vede in copertina è riportato un fotogramma di un video postato su Twitter da questo utente aperto per l’occasione e che ha twittato soltanto due video da quando l’account è disponibile:


Secondo La Dernière Heure online, il primo arresto è stato effettuato a Forest, rue de Belgrade. Una persona sospetta, Tafwik A., è stato ferito alla gamba e poi arrestato. Un secondo sospetto, Salah A., è stato fermato non lontano, rue de Merode a Saint-Gilles. Il terzo arresto (ancora una volta un uomo ferito alla gamba) si è verificato poco dopo avenue Rogier a Schaerbeek, non lontano da place Meiser. Questa è la scena a cui si assiste nel video. Nell’immagine che estraiamo si vede prima la bambina che è chinata vicino al ferito che è a terra mentre due uomini con i fucili si avvicinano e un terzo con un giubbotto arancione è appena arrivato sulla scena:
bambino schaerbeek video 2    La bambina sembra parlare con i poliziotti e subito dopo si alza in piedi per andare dove l’uomo vestito di arancione le indica; bambino schaerbeek video 4 In uno degli ultimi fotogrammi la persona con il giubbotto arancione prende la bambina e la porta in salvo: bambino schaerbeek video 1 Qualche tempo dopo, apparentemente, entra in azione il robot che deve accertarsi che l’uomo non abbia esplosivo:


 
A inizio intervento è stata avvertita un’esplosione. La zona è stata isolata, accerchiata da agenti pesantemente armati e camionette dell’esercito. Sul posto sono inoltre giunti gli artificieri. Una persona è stata neutralizzata, stringeva in mano uno zaino, probabilmente imbottito di esplosivi. Un vicino l’ha visto barcollare e sollevare la maglietta (perché la polizia accertasse che non aveva esplosivi). Gli è stata applicata una benda agli occhi, poi è stato caricato dagli addetti all’ambulanza. Verso le 14.40, è stata avvertita una nuova esplosione, più forte delle precedenti; poco prima delle 15, l’operazione si è conclusa.  La procura belga, citata dal quotidiano economico Les Echo, smentisce che l’uomo neutralizzato e arrestato a Schaerbeek sia Mohamed Abrini. “Non è Abrini” ha detto esplicitamente il procuratore federale citato dal giornale. È stato colpito “un uomo sulla quarantina, che era qui con la figlia, alla pensilina dell’autobus”, ha raccontato un altro testimone che si trovava a Schaerbeek durante il blitz. Gli inquirenti belgi hanno annunciato l’arresto di tre persone nei raid antiterrorismo condotti a Bruxelles questa mattina dopo l’arresto di un francese, Reda Kriket, ieri sera nella banlieue nord di Parigi, sospettato di preparare un attacco, legato ad Abaaoud. L’ufficio del procuratore precisa che gli arresti sono stati effettuati nei tre quartieri di Bruxelles, Schaerbeek, Forest e Saint-Gilles.