Attualità

Quando serve l’autocertificazione e cosa si può fare nelle zone gialle, arancioni e rosse

Con la suddivisione in zone rosse, arancioni e gialle, torna tra le mani degli italiani l’autocertificazione per gli spostamenti.

spostamenti vietati regioni zone rosse arancioni autocertificazione 1

Con la suddivisione in zone rosse, arancioni e gialle, torna tra le mani degli italiani l’autocertificazione per gli spostamenti. Sempre obbligatoria nelle cosiddette zone rosse, ovvero Piemonte, Lombardia, Valle d’Aosta e Calabria, servirà anche nel resto d’Italia tra le 22 e le 5, quando scatta il coprifuoco nazionale.

Quando serve l’autocertificazione e cosa si può fare nelle zone gialle, arancioni e rosse

Il modulo, disponibile sul sito del Viminale, è lo stesso che era stato predisposto dopo il Dpcm del 24 ottobre e utilizzabile nelle zone in cui è già in vigore il coprifuoco sulla base di specifiche ordinanze locali. Un modello standard dove i cittadini dovranno indicare i motivi dello spostamento e sul quale verranno fatti accertamenti a campione. Perché sia valido, infatti, è necessario che lo spostamento avvenga per comprovate esigenze di lavoro, motivi di salute o assoluta urgenza. “Già da stasera a mezzanotte partiranno i controlli delle forze dell’ordine sul territorio per verificare l’osservanza del Dpcm – ricorda tra gli altri il prefetto di Trieste, Valerio Valenti – e coloro che verranno fermati dovranno trovarsi in possesso dell’autocertificazione, così come previsto. Altrimenti verranno applicate sanzioni”. Sono inoltre in programma nel fine settimana, ha spiegato ancora, controlli nei centri commerciali, dove è prevista la chiusura dei negozi a eccezione di alcune categorie come farmacie ed edicole. Attenzione particolare sarà rivolta soprattutto alle regioni rosse e a quelle arancioni, dove da stasera scattano le misure più forti. Il Dpcm stabilisce infatti che è vietato entrare e uscire da quei territori. E non è tutto: se nelle zone rosse è vietato ogni spostamento, con ogni mezzo pubblico o privato, anche all’interno del proprio comune di residenza, domicilio o abitazione, in quelle arancioni è vietato uscire dal proprio comune di residenza, domicilio o abitazione con ogni mezzo pubblico o privato. Nelle zone rosse restano aperti alimentari, farmacie, parafarmacie, tabaccai, edicole, lavanderie, ferramenta, ottici, fiorai, librerie, cartolerie, informatica, abbigliamento per bambini, giocattolai, profumerie, pompe funebri, distributori automatici. Serve l’autocertificazione per andare dal parrucchiere e il Corriere spiega cosa si può fare

I parchi sono aperti? Sì, in tutta Italia. Si può fare una passeggiata? Sì, ma bisogna rimanere nei pressi della propria abitazione. Se non si ha con sé il modulo si potrà chiederlo all’autorità che effettua il controllo.  Si può uscire con il cane? Sì e non va giustificato fino alle 22. Dopo serve l’autocertificazione perché non si tratta di una «comprovata esigenza».   Si può andare a correre? Sì, anche lontano da casa ma si deve stare da soli e bisogna avere l’autocertificazione.  Si può fare attività sportiva? Sì, anche lontano da casa ma si deve stare da soli e bisogna avere l’autocertificazione. Si può andare a casa dei congiunti, cioè i familiari? Nelle zone rosse e arancioni gli spostamenti sono vietati e dunque bisogna avere una «comprovata esigenza» da indicare nell’autocertificazione. Nelle zone gialle è raccomandato evitare gli incontri.  Se si accompagnano i figli a scuola bisogna giustificarsi? Sì, ma rientra nelle comprovate esigenze

zona gialla arancione rossa cosa si può fare

Anche tra le regioni ‘gialle’, però, c’è chi prende misure per tutelarsi. Come il Molise, dove il presidente della Regione, Donato Toma, ha emanato un’ordinanza che prevede una serie di restrizioni per chi arriva da fuori regione. Per chi ha soggiornato per più di 48 ore negli ultimi 10 giorni in Puglia, Sicilia, Calabria, Lombardia, Piemonte e Valle d’Aosta, per esempio, è previsto l’obbligo di comunicarlo alle autorità sanitarie e di osservare, salvo diversa disposizione, da parte una quarantena di 10 giorni. Il rientro presso il proprio domicilio, dimora o residenza è sempre consentito, mentre la capienza dei mezzi pubblici è stata ridotta al 50% ovunque, scuolabus esclusi.