Fatti

L'Austria s'è ultradestra

austria destra

L’estrema destra ha vinto il primo turno delle presidenziali austriache. In base alle prime proiezioni Norbert Hofer del Partito della Libertà ha ottenuto il 36,7% dei voti, seguito dal verde Alexander van der Bellen (19.7%) e dal candidato indipendente Irmgard Griss (18.8%). Il socialdemocratico Rudolf Hundstorfer ha l’11,2% e così anche Andreas Khol del Partito del Popolo. Se i risultati definitivi dovessero confermare quelli delle proiezioni, ci troveremmo di fronte alla fine della formula politica bipartitica che ha garantito il governo dell’Austria dalla fine della Seconda guerra mondiale: Hofer, Van der Bellen e Griss non provengono dalle file socialdemocratiche ne’ da quelle del Partito del popolo, che, spesso in una grande coalizione, hanno amministrato insieme il paese. A determinare questa rottura sono stati sostanzialmente due temi: l’immigrazione e il rapporto tra il nord e il sud dell’Europa. Le elezioni politiche si terranno nel 2018. I sondaggi attribuiscono all’estrema destra il 30% dei consensi.

austria nera
Il voto in Austria: l’infografica di Youtrend

L’Austria s’è ultradestra

6,4 milioni di austriaci sono stati chiamati al voto oggi. A esultare è la Lega: «Provo immensa gioia per il grande risultato che si sta delineando in Austria per il nostro storico alleato Fpoe», ha detto all’ANSA Matteo Salvini commentando i dati delle presidenziali austriache. «Quel che mi sconcerta e che mi fa incazzare – ha aggiunto – è il pressapochismo con cui vengono definiti destra xenofoba e razzista dai media. Chiunque chieda libertà, immigrazione controllata e una Europa diversa viene subito marchiato! Il ‘politicamente corretto’ uccide la verità e la realtà». “Le mie più sincere felicitazioni ai nostri amici dell’Fpoe per questo risultato magnifico. Complimenti al popolo austriaco”, dice invece Marine Le Pen.

Leggi sull’argomento: Perché l’Austria chiude il Brennero

Foto copertina da qui