Attualità

L'attacco terroristico agli Champs-Elysées di Parigi

champs elysées 1

Un’evacuazione è in corso sugli Champs-Elysées, elicotteri volteggiano sulla zona, la polizia chiede attraverso i media a tutti i parigini di evitare la zona. Secondo le prime notizie due poliziotti sono gravemente feriti, mentre sarebbe stato ucciso l’assalitore. Secondo quanto annunciato dalla tv BFM un poliziotto e l’assalitore sono stati uccisi. La Reuters sostiene di aver sentito un testimone oculare che dice che un uomo è sceso da una vettura e ha cominciato a sparare. Il sindacato di polizia annuncia che anche il secondo poliziotto è morto.


Pierre-Henry Brandet, portavoce del ministero dell’Interno, ha riferito che il killer poco prima delle 21 ha fermato l’auto su cui si trovava al 102 degli Champs Elysees ed ha aperto il fuoco con un fucile automatico contro una camionetta della polizia al cui interno si trovava degli agenti mentre altri erano accanto sulla strada.  Anche questo video da FranceNews24 mostra la sparatoria e le fucilate, con un uomo armato che si muove sul marciapiede.
champs-elysées video
La rete Bfmtv mostra le immagini di una vecchia Audi A4 color argento, l’auto del killer che ha ucciso un agente e ne ha feriti altri due sugli Champs Elysees. La vettura e’ stata controllata dagli artificieri temendo la presenza di esplosivi. L’obiettivo dell’attacco sugli Champs-Elysées era la polizia: lo ha detto il portavoce del ministero dell’Interno, Pierre Henry-Brandet. Secondo i media uno degli attentatori era conosciuto alla polizia. L’uomo che stasera ha ucciso un agente di polizia aveva scritto sul sistema di scambio di messaggi Telegram di voler uccidere degli agenti di polizia. Lo riferisce la rete Bfmtv che poco prima aveva riferito che era conosciuto agli 007 del Dgse, i servizi segreti francesi e della polizia. Rita Katz su Twitter parla di una rivendicazione dell’ISIS e dice che il terrorista che ha colpito si chiama Abu Yusuf alBeljiki.
champs elysées 5

L’attentato agli Champs Elysées di Parigi

Secondo quanto riferisce il sito del quotidiano Le Figaro un secondo possibile aggressore degli agenti a Parigi sarebbe in fuga. La sparatoria sugli Champs Elysées nel cuore di Parigi è avvenuta all’altezza del locale Le Foquets di fronte al negozio Yves Rocher. Le immagini trasmesse dalle reti tv mostrano gli Champs Elysées presidiati da decine di veicoli della polizia. Un giornalista di France Soir che si chiama Jean Paul Louis Ney ha scritto su Twitter che la polizia sta cercando un uomo che si chiama Youssouf El Osri e che viene dal Belgio.


Non è chiaro, se come riferito dal quotidiano Le Figaro, sarebbe in corsa la caccia ad un secondo possibile aggressore degli agenti di polizia. Le stazioni della metro George V, Franklin Roosevelt e Champs Elysées-Clemenceau sono state chiuse per ragioni di sicurezza.
champs elysées 3
L’attacco a colpi di kalashnikov (“una sparatoria violenta”, secondo i primi testimoni) è avvenuto davanti a uno negozio di “Marks & Spencer”, grande magazzino. A quanto si apprende, un terrorista sarebbe fuggito in un garage vicino. L’operazione di polizia è ancora in corso. L’uomo che ha aperto il fuoco contro la polizia sugli Champs Elysées è stato “neutralizzato”, dice la prefettura di polizia di Parigi. La sparatoria, nella quale un poliziotto sarebbe stato ucciso e un altro ferito, è avvenuta all’angolo con la nota brasserie Fouquet’s. La zona è stata chiusa dalla polizia e viene sorvolata da un elicottero.

La sparatoria è avvenuta mentre è in corso l’ultimo dibattito televisivo fra i candidati alle presidenziali di domenica. Un poliziotto ha riferito ai giornalisti presenti sugli Champs-Elysees che “sono in corso accertamenti per stabilire la natura criminale o terroristica” dell’azione di questa sera, in cui è rimasto ucciso un poliziotto e uno degli assalitori. Un secondo assalitore degli Champs-Elysees è in fuga. Secondo fonti giornalistiche sul posto si sarebbe rifugiato in un parcheggio della zona. Questo il motivo per il quale tutta la zona resta blindata, accessibile soltanto alla polizia. Sono visibili cecchini sui tetti, mentre un paio di elicotteri volteggiano a bassa quota. Il poliziotto è ferito alla testa.
champs elysées 4
La Francia voterà domenica per il primo turno delle elezioni presidenziali. In serata una parte della Rue de Rivoli, centralissima arteria di Parigi che costeggia il Museo del Louvre, era stata chiusa dalle forze di sicurezza a causa della possibile presenza di un pacco sospetto. Secondo le foto pubblicate sui social media da alcuni testimoni, la strada era stata bloccata da cordoni di sicurezza e presidiata da cellulari della polizia e da agenti che impedivano l’accesso alle auto e ai pedoni.

La chiusura di Rue de Rivoli

Fonti di stampa aggiungevano che gli oggetti sospetti sarebbero ancora al vaglio delle forze di sicurezza, che hanno bloccato per circa un’ora la centralissima strada nel cuore della capitale francese. Diversi testimoni parlano di una ‘massiccia’ presenza di forze dell’ordine. L’account Twitter della RAPT, l’azienda di trasporto pubblico parigina, alle 18,28 ha comunicato agli utenti che la fermata Louvre-Rivoli non sarebbe stata effettuata “su ordine della polizia, a causa di un pacco sospetto sulla via pubblica”. Poco dopo però la stessa RAPT ha comunicato la “fine dell’incidente” e la riapertura della stazione.
champs elysées 2 rue de rivoli
Due uomini sono stati arrestati a Marsiglia martedì, Clément Baur di 23 anni e Mahiedine Merabet di 29 anni, perché sospettati di preparare un attentato, si apprestavano a commettere più azioni terroristiche prima delle elezioni e non quindi un’unica azione kamikaze. Proprio l’attacco terroristico simultaneo o ad azione ripetuta commessi da un nucleo ristretto di persone è lo scenario più difficile da individuare e quello più temuto dagli specialisti dell’antiterrorismo.


Foto da Twitter