Attualità

L'allarme chimico rientrato al London City Airport

attacco chimico aeroporto londra

Almeno 26 persone sono state sottoposte a cure mediche sul posto a causa di un “allarme chimico” che ha provocato l’evacuazione del terminal del piccolo London City Airport. Lo fa sapere il servizio antincendio londinese, citato da Bbc, che precisa che dal terminal sono state sgomberate circa 500 persone fra personale e passeggeri, accolti sulla pista. “Circa 500 passeggeri e membri dello staff sono stati evacuati e ci sono notizie di un certo numero di persone che ha avuto dei malori“, ha spiegato la London Fire Brigade in un comunicato. Diversi voli provenienti da Francoforte, Amsterdam e Parigi sono stati dirottati verso altri scali.
attacco chimico aeroporto londra
Si parla per tutti e 26 di difficoltà respiratorie, due persone sono state portate in ospedale. L’aeroporto è vicino a North Greenwich, al centro di un allarme terrorismo due giorni fa. Si parla di una tosse “incontrollabile”; si pensa a un’intossicazione. Alle 20.22 il London City Airport è stato dichiarato sicuro e l’allarme chimico è terminato: non c’è stato nessun incidente chimico. Il traffico aereo tornerà alla normalità con il passare delle ore. La perquisizione ha “portato a scoprire quello che è ritenuto essere gas o spray lacrimogeno”. Gli inquirenti stanno “investigando se non si tratti di qualcosa abbandonato da un passeggero prima del check in”. Non ci sono stati al momento arresti.