Fatti

Alla fine il razzo cinese è precipitato nell’Oceano Indiano

I detriti, per la maggior parte bruciati, son precipitati in una zona vicino alle Maldive. Ma, per fortuna, lontano dalle persone.

razzo cinese italia dove cade quando cade razzo cinese

Altro che Italia. Altro che le regioni del Mezzogiorno. Alla fine i detriti del razzo cinese sono precipitati nell’Oceano Indiano, in un’area vicina alle Maldive. Per la maggior parte son arrivati in acqua – secondo quando hanno riferito i media cinesi – bruciati. Alla fine, quindi, si è scongiurato qualsiasi eventuale pericolo. Che – c’è da dirlo – aveva procurato e non poco ance gli Italiani. Perché la Protezione civile aveva fatto sapere che parte di quesi detriti sarebbero potuti entrare in atmosfera in un’area che comprendeva quella italiana, e avevano anche indicato le regioni, che erano principalmente quelle del centro sud. Però si tratta di calcoli e stime che per forza di cose non possono essere precisissimi. E quindi quei detriti son andati a finire nell’Oceano Indiano, lontano (per fortuna) dalle persone. E il pericolo è stato scongiurato.

La storia del razzo cinese che doveva cadere in Italia

La Protezione Civile aveva diramato un’allerta per le regioni del centro-sud potenzialmente interessate dalla caduta del razzo cinese che sarebbe dovuta avvenire alle 2.24 del 9 maggio ore locali con una finestra temporale di incertezza di più o meno 6 ore. Il Comitato Operativo della Protezione Civile era stato convocato dal Capo Dipartimento Fabrizio Curcio e aveva analizzato gli ipotetici scenari dovuti al rientro incontrollato in atmosfera del lanciatore spaziale cinese ‘Lunga marcia 5B’, in modo da poter condividere tutte le informazioni con le strutture operative e i territori potenzialmente coinvolti. All’interno di questo arco temporale erano state tre le traiettorie che avrebbero potuto coinvolgere l’Italia che, in totale, interessavano porzioni di 9 regioni del centro-sud, ovvero Umbria, Lazio, Abruzzo, Molise, Campania, Basilicata, Puglia, Calabria, Sicilia e Sardegna.

Ma alla fine è andato tutto bene, e dal cielo italiano nulla è caduto sul suolo. Neanche un po’ di pioggia, in queste giornate così soleggiate. Per fortuna, c’è da dire.