Fatti

Arrestato (per la seconda volta) lo stalker denunciato dalla pallavolista Alessia Orro

neXt quotidiano|

alessia orro stalker

“Ragazze e ragazzi non abbiate paura di denunciare, la violenza, in qualsiasi forma essa sia, non va sottovalutata”: Alessia Orro, 23enne pallavolista della Vero Volley Monza, riporta sui suoi profili social la notizia del secondo nel giro di tre anni dello stalker che aveva denunciato già tempo fa e invita altre donne nella sua situazione a non tacere. “Vorrei dare l’esempio non solo dentro il campo ma anche e soprattutto fuori”, ha scritto in un lungo post su Instagram. “Siate coraggiosi, perché io in prima persona so quanto possa essere difficile, soprattutto quando ti rendi conto che il passato possa tornare nel presente”.

Arrestato (per la seconda volta) lo stalker denunciato dalla pallavolista Alessia Orro

I pedinamenti nei suoi confronti erano iniziati nel 2019, quando un uomo, un 55enne di Novara, aveva iniziato a messaggiarla ossessivamente. Fu arrestato e patteggiò una condanna a un anno e 8 mesi, scaduta la quale è tornato a farsi vedere nelle zone frequentate da Orro: i carabinieri della compagnia di Monza, guidati dal maggiore Emanuele D’Onofri, lo hanno sorpreso ieri pomeriggio fuori dal palazzetto dello Sport Arena di Monza dove la pallavolista stava sostenendo un allenamento. L’uomo seguiva la vittima anche nelle trasferte ed aveva acquistato un abbonamento “vip” del club per non perdere i match casalinghi. Inoltre sceglieva di alloggiare negli stessi hotel dove la ragazza soggiornava: le avrebbe offerto mazzi di fiori e inviti a cena, richieste di incontri sessuali. Tutte circostanze alle quali Orro ha risposto con il silenzio e le segnalazioni alle forze dell’ordine. “Ti amo Ale, ti voglio, ti desidero, ti pretendo, insegnami ad amarti”, le scriveva su Facebook. “È stato doloroso riaprire una vecchia ferita”, conclude Orro nel post, “ma sono estremamente felice che tutto questo per ora sia finito. Grazie per sostenermi sempre”.