Attualità

Perché la storia degli adesivi contro gli antifascisti attaccati dagli Antifa è una bufala

Ieri La Stampa ha dato la notizia dei provvedimenti di arresto e delle perquisizioni effettuate dalla Digos per individuare gli autori degli scontri con la polizia al corteo antifascista del 22 febbraio a Torino. Dai verbali delle perquisizioni risulta che gli investigatori hanno sequestrato nella casa di una studentessa “quasi 800 adesivi con la scritta «qui abita un@ antifascista»: riconducibili al movimento antagonista di Pavia”. Fin qui la notizia, nuda e cruda, come riportata dal giornale senza alcun ricamo.

Il complotto degli adesivi antifascisti contro i neofascisti

Il ritrovamento degli adesivi ha subito fatto scattare il braccio teso ad alcuni utenti che hanno collegato il fatto a quello degli adesivi appiccicati sulle porte delle case di alcuni cittadini di Pavia. Il caso aveva ottenuto una considerevole risonanza mediatica anche perché era avvenuto a ridosso delle elezioni politiche. Ignoti avevano “marchiato” le case degli antifascisti (ma non solo, visto che ad essere colpite non erano solo le abitazioni dei militanti dei centri sociali) con un adesivo con la scritta “Qui ci abita un antifascista” e il simbolo della rete antifascista barrato.

adesivi sequestrati qui abita un antifascista - 1b

 

A dare il via è stato il giornalista Maurizio Murelli, ex militante di vari movimenti neofascisti negli anni Settanta e Ottanta. Diversi simpatizzanti di destra e di Casa Pound hanno condiviso la notizia dopo che un utente ha fatto notare quello che per lui era “ovvio”. Vale a dire che tutto il piagnisteo sugli antifascisti “marchiati” era stato organizzato ad arte proprio dalle stesse presunte vittime. Sono state loro, le “zecche” ad attaccare gli adesivi e poi ad accusare i movimenti di estrema destra per poter dare credito alla tesi dell’onda nera che rischiava di travolgere l’Italia alle elezioni.

adesivi sequestrati qui abita un antifascista - 4 adesivi sequestrati qui abita un antifascista - 4 adesivi sequestrati qui abita un antifascista - 4 adesivi sequestrati qui abita un antifascista - 4

Nelle condivisioni del post è un diluvio di insulti. Nel frattempo anche Sinistra Cazzate e Libertà scrive “Ora, che se li fossero attaccati da soli era palese per chiunque conoscesse un minimo l’ambiente. Oggi è giunta la conferma. Che figura di merda ragazzi”. adesivi sequestrati qui abita un antifascista bufala sinistra cazzate e libertà - 1

Ovviamente però nell’articolo della Stampa non c’è nessuna conferma alle tesi di chi sostiene che sia tutta una congiura di sinistrizecche per infangare il buon nome dei neofascisti italiani.

Gino Tornusciolo, il consigliere di Casa Pound che abbocca alla bufala

Perché la cronaca locale ci ricorda che dopo quell’episodio di “marchiatura” i movimenti e i centri sociali reagirono producendo un altro adesivo, disegnato da Zerocalcare, che aveva scritto “Qui abita un@ antifascista“. Esattamente come in quelli rinvenuti a Torino. Per i più duri di comprendonio si tratta chiaramente di una reazione successiva alla provocazione notturna. Non solo i due adesivi sono graficamente diversi ma anche il testo è differente (manca il “ci”). Ed è per questo che quelli ritrovati a Torino sono “riconducibili al movimento antagonista di Pavia”. Nell’adesivo di Zerocalcare è infatti scritto “Movimento Pavia”. E non c’è solo l’adesivo realizzato da Zerocalcare, la Rete Antifascista ha distribuito altri adesivi dove il “ci” è sbarrato e il simbolo Antifa invece non è sbarrato.

adesivi sequestrati qui abita un antifascista bufala sinistra cazzate e libertà - 2

Il tutto è avvenuto alla luce del sole e non nottetempo, come invece è il caso della “marchiatura” fatta dagli ignoti di ispirazione neofascista. Gli adesivi “sequestrati” a Torino quindi non mettono in relazione la ragazza che li deteneva con la “marchiatura” delle abitazioni. Al massimo costituiscono una “prova” (semmai ce ne fosse bisogno) che la persona in questione è antifascista.

gino tornusciolo casa pound grosseto adesivi antifascisti - 1

La storia degli antifascisti che si marchiano da soli per poi accusare i “poveri neo-fascisti” è una balla e la notizia riportata dalla Stampa non conferma nulla. Eppure anche secondo Gino Tornusciolo consigliere comunale per Casa Pound Italia a Grosseto “in pratica se li attaccavano da soli”. Ed è vero, gli Antifa si attaccavano da soli gli adesivi, ma erano quelli disegnati da Zerocalcare, non gli altri.