Attualità

Il corso per difendere i giovani da Satana e dalle sexy vampire

Se siete dalle parti di Roma e sentite un senso di oppressione (demoniaca) e avete duecentocinquanta euro da spendere potete andare ad assistere alla decima edizione del Corso Esorcismo e preghiera di liberazione che si tiene questa settimana (è iniziato ieri e si concluderà sabato 18) all’Università Europea di Roma, l’ateneo fondato dai Legionari di Cristo. Il corso, che non è riservato solo ai religiosi ma è aperto anche ai laici offre il non plus ultra delle conoscenze sul maligno, utilissime per imparare a distinguere un caso di possessione satanica dall’indigestione di peperonata di nonna.
esorcismo vampiri satanismo
 
RICONOSCERE IL DEMONIO NELLA VITA QUOTIDIANA
Putroppo la partecipazione al Corso non vi consentirà di sostituirvi al sacerdote per praticare esorcismi fai da te, quelli è sempre bene lasciarli fare ad un esperto. Sarete però in grado di riconoscere i luoghi dove si nasconde il maligno nella vita di tutti i giorni e quindi sarà più semplice evitarlo. Padre Pedro Barrajòn, direttore dell’Istituto Sacerdos – che organizza il Corso assieme al Gruppo di ricerca e informazione socio-religiosa (GRIS) – ha spiegato che il problema non riguarda solo la presenza di Satana ma anche di tutta una serie di pericoli che allignano nella società contemporanea: «Abitando in una società molto secolarizzata nella quale più che in passato vi è la tendenza ad aprire le porte all’occultismo e all’esoterismo, l’azione diabolica è favorita dalle pratiche magiche e dal ricorso agli indovini, che possono avere un influsso reale fino alla possessione». E non si parla solo del ricorso alla cartomanzia e ad altre pratiche divinatorie, ma anche alla “new age” (esiste ancora?) il Reiki e le varie sette come i Testimoni di Geova (ma nemmeno gli UFO vengono risparmiati).

L'incontro del GRIS con papa Benedetto XVI qualche anno fa (fonte: Facebook.com)
L’incontro del GRIS con papa Benedetto XVI qualche anno fa (fonte: Facebook.com)

Tra i relatori non ci sono solo sacerdoti ed esorcisti professionisti (per gli appassionati quest’anno manca Padre Gabriele Amorth) ma anche giuristi (avvocati e procuratori) per parlare degli aspetti giuridici e legali del fenomeno e medici e psichiatri per tentare di dare una definizione di possessione satanica e di satanismo in generale e tentare di distinguere il fenomeno dalla malattia mentale e dai disturbi psicologici. Questo perché spesso il fenomeno viene collegato alla manipolazione mentale di “soggetti deboli” da parte dei santoni e delle guide spirituali delle sette esoteriche. Oppure perché spesso il lavoro degli esorcisti si pone in maniera conflittuale con quello degli psichiatri e pertanto ha bisogno di una giustificazione “scientifica” da parte dei medici.
 
I vampiri credono nel matrimonio!1
I vampiri credono nel matrimonio!1

SE I VAMPIRI SONO UNA MINACCIA PER LA SOCIETÀ
Tra i relatori di quest’edizione del Corso spicca anche il nome del Presidente del GRIS, il Professor Giuseppe Ferrari. Il professore è salito ieri alla ribalta delle cronache inglesi per alcune sue affermazioni fatte a proposito del rapporto tra la satanismo e il dilagare della presenza dei vampiri nei media. In particolare il buon professore ha fatto riferimento alla serie televisiva True Blood (nota anche come Centovetrine coi vampiri) e alla saga romantica che ha appassionat gli adolescenti di tutto il mondo: Twilight. Tralasciando il fatto che Ferrari non ha capito nulla di Twilight, ad esempio il fatto che il personaggio della Stewart voglia mantenere la sua verginità in maniera molto cristiana e in generale il fatto che la storia sia una versione contemporanea di Giulietta e Romeo (niente da dire riguardo a quel pervertito di Shakespeare?).
twilight meme gris satanismo
Il rischio naturalmente è quello dell’emulazione ovvero la possibilità che i giovani, attratti dalla bellezza dei protagonisti dei film vogliano diventare dei vampiri. Magari cedendo alle lusinghe del demonio e iniziando a partecipare a riti terribili con cocktail a base di sangue umano. Un allarme già lanciato dal GRIS l’ottobre scorso, in occasione di un “ritrovo di vampiri” nel riminese. Si trattava naturalmente di una “festa a tema” in un noto locale notturno della riviera, ma agli indagatori dell’occulto non la si fa.

Il vampirismo è strettamente legato al satanismo da una parte e al disturbo psichico dall’altra, come perversione di tipo sadico. Molti esponenti di spicco di questo movimento sono riconosciuti come appartenenti al movimento satanista e hanno tutto l’interesse di negare le implicazioni legate alla malattia psichica e alle conseguenze che tali pratiche possono avere sulle persone coinvolte

Insomma, i ragazzi d’oggi – anche a causa dei film dove i vampiri vengono presentati come eroi e come modelli di comportamento – non riconoscono più il bene dal male e non sono in grado di capire che i vampiri sono creature malvagie. Insomma, il messaggio è che i vampiri esistono ma che sono cattivi. Non resta che rimanere in attesa del prossimo allarme: quello sul dilagare della cultura e dell’ossessione per gli Zombie. Che sia un modo per denigrare la resurrezione della carne e la venuta del Signore? Probabilmente ne parleranno alla prossima edizione del Corso.
ture blood vampiri gris satanismo